In Brasile 5 nuove startup si preparano all’IPO

IPO è l'acronimo inglese per Offerta Pubblica Iniziale, azione tramite la quale un'azienda si quota in un mercato regolamentato.

ipo brasile
ipo brasile

La scena tecnologica in America Latina è in grande crescita e quella brasiliano in particolare ha preso il comando: in un paio di settimane ha raddoppiato il numero di società di tecnologia. Si presenteranno come grandi aziende tecnologiche pubbliche in Brasile e faranno la loro IPO? Questa settimana Nathan Latka, ha spiegato nel suo podcast SaaStr (uno dei podcast migliori del 2020) che sta prestando molta attenzione al mercato latinoamericano Ti starai chiedendo perché, giusto?

Perchè bisogna tenere d’occhio l’America Latina?

Secondo il punto di vista di Nathan, l’industria tecnologica in America Latina sta raggiungendo standard mai visti prima. E tutto ciò ha una spiegazione, ci sono pochi competitior: le aziende stanno diventando più mature, i clienti si stanno abituando alla tecnologia, il costo del capitale sta diminuendo e il continente ha molti problemi che possono essere risolti con la tecnologia.

Solo questa settimana il Brasile ha avuto cinque società che hanno presentato domanda per aprire il proprio capitale alla Borsa brasiliana. Se dai un’occhiata più da vicino al mercato tecnologico brasiliano, oltre a Stone, Arco e PagSeguro che sono elencati nel NASDAQ, il paese aveva solo quattro grandi società tecnologiche.

ipo brasile

Quindi in pochi giorni, con cinque potenziali clienti alla ricerca dell’IPO, il Brasile ha più che raddoppiato il uso valore. È stupefacente! Per la prima volta, le aziende brasiliane stanno approfittando della possibilità di aprire il loro capitale. Di quali aziende sto parlando? Le seguenti:

  • Mosaico (la holding che possiede Zoom.com.br, Buscape e Bondfaro),
  • Enjoei ( e-commerce),
  • Meliuz (cashback),
  • Housi (Housing as a Service)
  • Wine (e-commerce)

Tutto ciò potrebbe essere influenzato dalla crescita raggiunta da Locaweb nel 2020. Da febbraio, lo stock ha raggiunto una crescita di oltre il 200% e un gran numero di investitori presta molta attenzione al mercato tecnologico brasiliano.

Cosa possiamo aspettarci da queste società che si apprestano a fare la loro IPO in Brasile?

Lo scenario di startup in Brasile sembra promettente e la maggior parte di queste aziende ha un track record che spiega il loro movimento verso la sala delle future società pubbliche. Quello che accadrà è che queste startup metteranno alla prova gli investitori brasiliani, in particolare quelli attratti dalla tecnologia e dalle società Internet-based. In generale, sono aziende con un elevato potenziale di crescita ma con ricavi relativamente bassi. Tuttavia, la maggior parte di essi è redditizia.

Secondo l’articolo di NeoFeed, le aziende hanno una sorta di buona economia unitaria. Méliuz, che ha tra i suoi investitori il fondo di venture capital brasiliano Monashees e gli americani Lumia Capital ed Endeavour Catalyst, ad esempio, ha ottenuto ricavi lordi da servizi per 90,5 milioni nel 2019. In quel periodo, l’utile è stato di 15 milioni di dollari. Nei primi sei mesi di quest’anno, le entrate hanno raggiunto 62,2 milioni di dollari e i profitti hanno raggiunto 12,7 milioni.

Wine, a sua volta, ha registrato ricavi per 252,7 milioni nel 2019 e 146,3 milioni nei primi sei mesi di quest’anno. L’utile lordo è arrivato a 120,9 milioni di dollari lo scorso anno e 70 milioni di dollari nella prima metà del 2020. I principali investitori sono Península, di proprietà dell’uomo d’affari Abilio Diniz, e EB Capital.

Housi, creato dallo sviluppatore Vitacon, di proprietà dell’uomo d’affari Alexandre Lafer Frankel, ha registrato un fatturato di 3,2 milioni di dollari nel primo semestre. L’investitore è Redpoint e-ventures, proprietario di una partecipazione di minoranza nella società.

ipo brasile

Mosaico ha registrato un fatturato netto di 114 milioni. Il piano è quello di utilizzare parte dei fondi che intende raccogliere nell’IPO per pagare un debito con BTG Pactual, fatto per acquisire Buscapé, nel maggio 2019.

Ma non lasciarti ingannare dall’hype, non tutte quelle società, che stanno tentando la loro possibilità nel mercato dei capitali, sono redditizie come potremmo sapere dalla maggior parte delle startup nel mondo. UN esempio è il caso di Enjoei, che ha ottenuto un fatturato di 37 milioni di dollari e una perdita di 4,6 milioni nei primi sei mesi di quest’anno. Monashees è uno degli investitori del sito web, considerato un negozio dell’usato online in cui le persone vendono a privati.

Ora, guardando un lato più positivo abbiamo Mosaico che sta facendo questo movimento per far leva sul capitale per pagare un debito con BTG Pactual, che ha prestato denaro alla società per acquisire Buscape. Mentre Housi ha a suo favore il vantaggio di essere uno spin-off di Vitacon, agendo nel settore immobiliare e gestendo più di 11.000 unità in un mercato che non ha subito un grande impatto durante la pandemia.

Sempre secondo NeoFeed, che ha parlato con un banchiere di investimenti, Housi ritiene che la sua offerta potrebbe superare il miliardo di reais, qualcosa vicino a 200 milioni di dollari. Può sembrare molto per un’azienda le cui entrate ammontano a poco più di 3 milioni di dollari nella prima metà dell’anno.

Wine prevede di raccogliere anche 1 miliardo, secondo informazioni circolate sulla sua offerta. Ora, per quanto riguarda Méliuz, il mercato stima che il volume si aggiri intorno ai 650 milioni di dollari. Enjoei vuole anche raccogliere tra i 500 e i 600 milioni di dollari. Mosaico può raccogliere più di 300 milioni netti nella sua offerta primaria. Il fatto è che il mercato tecnologico è molto caldo in questo momento e il movimento brasiliano emula ciò che sta accadendo negli Stati Uniti ad esempio, dove molte aziende fanno la fila per aprire il proprio capitale. Per citare alcune di queste società abbiamo Palantir, Doordash, Unity e Airbnb.

Anche in questo caso, non lasciarti ingannare dal clamore e presta molta attenzione ai numeri del potenziale cliente. Dato che parliamo di startup, c’è sempre una buona dose di rischio, ma possiamo vedere quanto il mercato brasiliano stia diventando promettente.

Quale sarà il risultato dell’IPO per quelle società? Nessuno lo sa davvero, ma possiamo aspettarci grandi cose dalle aziende brasiliane nei prossimi anni.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini