Stone acquisisce Linx: un accordo poster per le aziende tecnologiche brasiliane

Secondo gli esperti si tratta di un accordo "poster" che permetterà di crescere a entrambe le aziende.

stone acquisisce linx
stone acquisisce linx

È stato raggiunto un traguardo importante verso una necessaria equalizzazione del mercato. Stone (STNE), uno dei principali fintech in Brasile acquisisce Linx (LKSAF), leader tra i fornitori di Software gestionali ERP / POS / vendita al dettaglio in Brasile, per la modica cifra di 1,1 miliardi di dollari. Si può certamente essere ottimisti relativamente al fatto che questa acquisizione accelererà entrambe le società e che ci sono chiaramente enormi sinergie tra le aziende. Si tratta di un accordo audace, entusiasmante e che porta una combinazione visionaria.

Un “win-win” per entrambi:

  1. Per gli azionisti Linx: l’importo della transazione è stato pagato per il 90% in contanti e per il 10% in azioni al prezzo di chiusura del 7 agosto di Stone. Si tratta di un premio di 28% rispetto alla capitalizzazione di mercato dell’azienda. Ma dato che una parte significativa dell’importo del corrispettivo è stata pagata in azioni StoneCo, e il prezzo per azione del 7 agosto era di 45 dollari, c’è un ulteriore rialzo per gli azionisti di Linx di quasi il 15% sul prezzo delle azioni, poiché le azioni di ieri hanno chiuso a $ 52.
  2. Per gli azionisti di Stone: le azioni sono esplose in seguito all’annuncio portando un aumento del prezzo dell’11%. Ciò significa passare da 13 miliardi a 14,5 miliardi, creando 1,5 miliardi di dollari di valore per gli azionisti e rendendo la transazione accrescitiva. Personalmente, credo che ci sia ancora molta strada da fare. StoneCo è un’azienda con una grande cultura e gestione, e sebbene possa sembrare difficile integrare un giocatore con una “legacy” di 35 anni in una startup di 8 anni, credo profondamente che questo team abbia le capacità per farlo.

stone acquisisce linx

Sinergie strategiche

Dal punto di vista della crescita, è molto chiaro che i 70 mila clienti di Linx faranno domanda dei prodotti StoneCo, riducendo così i costi di acquisizione dei clienti per l’espansione in un segmento centrale dell’economia brasiliana. Immagino che Cielo (CIEL3), Getnet, Rede e Pagseguro (PAGS) saranno almeno un po’ più preoccupati per un po’ di tempo. TOTVS, il più grande player SaaS in Brasile, che sta scommettendo molto sulla formula SaaS + Fintech (Techfin), dovrebbe aspettarsi una maggiore concorrenza. Da un punto di vista strategico, questo accordo ricorda il TOTVS / Datasul nel 2008 (a parte le dimensioni, le cose sono molto più grandi in questi giorni). Perché? Una società di recente quotazione, con una visione molto audace, una strategia di crescita aggressiva, fa una grande acquisizione con una visione chiara per il futuro del suo settore. Aspettative? Crescita accelerata causata dalla combinazione, potere di determinazione del prezzo e miglioramenti di redditività / margini lordi. Allora funzionava molto bene. Ecco come appariva, esattamente due anni dopo la chiusura:

TOTVS + DATASUl =

  • Accelerazione della crescita del 16%;
  • Miglioramento dell’EBITDA del 28%, + 4% dei margini EBITDA;
  • Utile netto: + 30%

Un affare poster

Per i mercati emergenti, i “contratti poster” sono significativi perché istruiscono gli investitori locali, ispirano l’ecosistema imprenditoriale e stabiliscono un nuovo standard di ciò che è possibile. Questi accordi infrangono l’artificiale “barriera dei 10 secondi“.

Per chi non ne ha mai sentito parlare, la barriera dei 10 secondi è la barriera fisica e psicologica che consente di completare uno sprint di 100 metri in meno di dieci secondi. Prima che questo fosse realizzato per la prima volta da Jim Hines, tutti pensavano che fosse impossibile. Una volta rotto per la prima volta, molti altri velocisti (di prim’ordine) sono stati in grado di compiere la stessa impresa. Questo accordo significa qualcosa di simile alle società SaaS brasiliane. Prima di iniziare, ecco alcuni poster brasiliani.

Cronologia dei poster in Brasile:

  • 2009 – Buscapé venduto a Naspers : In un ecosistema giovane con quasi zero capitale di rischio e pochissime startup tecnologiche giovani, questo è stato l’accordo che ha mostrato al mercato locale che c’era spazio per attività “su scala di rischio” in Brasile. Quasi immediatamente, è nato un ecosistema di investimenti:
  • 2017 – 99Taxis diventa il primo unicorno del Brasile: Il termine unicorno non era così comune in Brasile prima dell’accordo del 99. Perché? Come Babbo Natale, non esistevano. Da allora, abbiamo avuto la nostra giusta quota di unicorni:
  • 2017 – Netshoes IPO su Nasdaq / PagSeguro su NYSE: l’elenco di startup tecnologiche brasiliane negli Stati Uniti è inaudito. Netshoes è stato il primo, molto presto è arrivato PAGSeguro… Da allora, XP, Stone, Arco, la lista continua. È ragionevole e persino naturale ora che le startup tecnologiche brasiliane prendano in considerazione la possibilità di iscriversi all’estero.

stone acquisisce linx

The Rise Of Brazilian Technology

Questo è il nome di un rapporto che Morgan Stanley ha pubblicato poche settimane fa. L’argomento principale è: le aziende tecnologiche brasiliane stanno crescendo e il pubblico locale e i mercati privati devono ancora imparare ad apprezzare/valutare questi asset. Giocatori come Locaweb, Sinqia, TOTVS, Linx, sono tutti “super economici” e pronti a miglioramenti significativi nei prezzi delle loro azioni. Direttamente dal rapporto:

“Il Brasile ha una grande opportunità nel campo della tecnologia, non ancora scontata. IBOV scambia con uno sconto del -20% sull’SP500, ma lo sconto per i settori legati alla tecnologia è molto maggiore. Le società SaaS brasiliane hanno:

– 60% in meno sui ricavi EV / NTM;

– 60% in meno su base aggiustata per la crescita 2020–22

– 50% in meno su EV / TAM. “

E quando guardiamo i giocatori SaaS più iconici in Brasile, come TOTVS e Linx, i multipli sono pazzi. Sconto del 60%? Quanto è strano? Queste aziende hanno monopoli locali e naturali e un’enorme difendibilità dei prezzi. Come possono essere così economici?

TOTVS viene scambiato a 6 volte i ricavi NTM. Linx scambia a 5x. Inizialmente, pensavo che quando Linx avesse deciso di optare per un doppio elenco in Bovespa e Nasdaq , avrebbe visto un correzione del prezzo delle azioni “chiaramente a buon mercato”. Sfortunatamente, non è successo. Allo stesso tempo, Stone, che ha scelto di quotarsi all’estero, è scambiato a 23x. Questi multipli globali, simili agli Stati Uniti, sono ciò che aziende come XP, Vasta, Afya, Arco hanno visto di recente, rendendo così facile per un’azienda brasiliana elencare all’estero.
Recentemente abbiamo assistito a IPO di successo da società brasiliane negli Stati Uniti e hanno un prezzo equo. XP, Afya, Arco, Vasta… Tutte queste sono società forti, redditizie e in rapida crescita che hanno deciso di quotarsi all’estero perché i mercati azionari / dei capitali locali non sembravano in grado di valutarle adeguatamente.

Questo è il motivo principale per cui l’accordo Stone / Linx è un affare poster. L’acquisizione di StoneCo ha pagato gli azionisti di Linx in modo più ragionevole, più di 7 volte, dimostrando che gli investitori SaaS possono avere grandi ritorni. Allo stesso tempo, gli azionisti di StoneCo incorporeranno i ricavi di Linx rendendo l’accrescimento dell’accordo e realizzando una brillante creazione di valore.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini