Strategie per la decarbonizzazione, sette settori dell’industria a lavoro sul progetto

decarbonizzazione

Le industrie di sette settori del mondo produttivo e imprenditoriale hanno deciso di escogitare strategie per la decarbonizzazione e azzerare completamente le emissioni, entro il 2050.

Strategie per la decarbonizzazione, sette settori dell’industria a lavoro sul progetto

Alcune industrie ultra-inquinanti sono particolarmente difficili da decarbonizzare. La maggior parte delle fabbriche di acciaio, per esempio, eseguono ancora il loro processo ad alta intensità energetica con il carbone, e le attrezzature costose che usano possono durare per decenni. Ma è anche possibile fare acciaio producendo zero emissioni. Ad esempio, un produttore svedese, SSAB, sta usando idrogeno privo di fossili per fare l’acciaio che Volvo intende usare nelle automobili.

Recentemente, gruppi di aziende di sette settori – trasporti, aviazione, autotrasporti, prodotti chimici, acciaio, alluminio e cemento – stanno lavorando insieme attraverso un progetto chiamato Mission Possible Partnership per trovare il modo di portare ogni settore a produrre zero emissioni nette entro il 2050.

In questo contesto, due dei gruppi, concentrati su acciaio e aviazione, hanno appena rilasciato le loro strategie.

L’industria dell’acciaio

In merito all’iniziativa, il direttore operativo della Mission Possible Partnership, Cate Hight, ha dichiarato: “L’acciaio è davvero eccitante, perché la tecnologia è effettivamente disponibile oggi”.

La produzione di acciaio è responsabile di circa il 7% delle emissioni globali, o quasi tre volte di più dell’aviazione. Una parte di quell’impronta di carbonio potrebbe ridursi se la domanda venisse ridotta. Prodotti più duraturi o automobili più leggere, per esempio, significano che a lungo termine è necessaria meno materia prima. Anche più acciaio potrebbe essere riciclato. Il nuovo acciaio può essere fatto con idrogeno “verde” prodotto con energia rinnovabile. È tecnicamente possibile ridurre le emissioni dell’industria del 90% entro il 2050. Ma le aziende dovranno muoversi rapidamente per essere in grado di raggiungere questo obiettivo, costruendo impianti di acciaio a zero emissioni su scala commerciale in questo decennio e dimostrando che funzionano in modo che possano essere scalati nel 2030. Costerà circa 6 miliardi di dollari all’anno per fare la transizione completa, secondo il rapporto di Mission Possible.

L’industria dell’aviazione

L’aviazione, un’altra industria difficile da decarbonizzare, può raggiungere gli obiettivi prefissati eliminando gradualmente il carburante fossile dai jet entro il 2050. Su un percorso di business-as-usual, questo non accadrà; se le aziende scelgono solo le opzioni a più basso costo, l’aviazione non riuscirà a raggiungere lo zero netto entro la metà del secolo e farà saltare fino al 10% dell’intero budget globale di carbonio rimanente prima di allora. Ma con investimenti di circa 300 miliardi di dollari all’anno, l’industria può avere successo.

A breve termine, le compagnie aeree possono rivolgersi ai biocarburanti o ai carburanti sintetici che possono essere utilizzati all’interno degli attuali aerei e delle infrastrutture di rifornimento. Gli aerei elettrici con batterie potrebbero iniziare a coprire i voli brevi entro il 2030. Entro il 2050, l’idrogeno potrebbe coprire fino al 25% della domanda di energia del settore.

Le maggiori aziende di ogni settore stanno collaborando alle strategie. Nel caso dell’aviazione, questo include compagnie aeree come Delta e United; startup come ZeroAvia, che sta lavorando sulla tecnologia degli aerei elettrici a idrogeno; aeroporti come Heathrow e San Francisco International; e i governi. “Nessuno ha davvero la soluzione da solo, quindi deve esserci un dialogo“, ha spiegato Hight. “E bisogna co-creare le soluzioni”.

Strategie sulla decarbonizzazzione, i piani da attuare

Nella fase successiva, le aziende adotteranno dei piani interni basati sulle strategie. Era importante andare oltre l’ennesimo vago impegno verso la rete zero, ha riferito Hight: “Sta diventando, francamente, una quantità crescente di agitazione da parte della comunità ambientale, che sta dicendo, ‘Ok, bene, ci sono un sacco di cose che si possono impegnare – vorremmo per favore vedere qualche progresso tangibile,’ giusto? Poiché le aziende stesse hanno lavorato sulle strategie, il passo successivo sarà più agevole – e ha aggiunto –. Una delle cose che abbiamo pensato fosse davvero importante è che questo non fosse solo un esercizio accademico ma piuttosto che fosse una conversazione con le aziende sulle cose reali che stanno affrontando oggi, e alcune delle decisioni reali che stanno contemplando di prendere. Il fatto che queste aziende con cui abbiamo lavorato stiano approvando questo come un percorso da seguire è un buon segnaleche questa è una possibilità. È un segnale per i politici che l’industria può allinearsi intorno a qualcosa, e parliamo di come mettere in atto una politica il trend evidenziato”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Ilaria Minucci