8,7 milioni di persone all’anno muoiono a causa dell’inquinamento da combustibili fossili

Più del 60% dei decessi avvengono in Cina e in India.

inquinamento combustibili fossili
inquinamento combustibili fossili

Abbiamo sempre saputo che le minuscole particelle di inquinamento che fuoriescono dalle auto, dalle centrali a carbone e da altre macchine che funzionano con combustibili fossili sono dannose per la salute globale, ma ora gli scienziati hanno scoperto che sono responsabili di milioni di morti, più di quanto si pensasse in precedenza. Un nuovo studio sulla rivista Environmental Research stima che nel 2018 l’inquinamento da combustibili fossili è stato la causa di quasi una morte su cinque, uccidendo 8,7 milioni di persone.

Inquinamento da combustibili fossibili: che danni provoca

Questo è più del doppio dei decessi rispetto a una precedente stima del Global Burden of Disease Study, che suggeriva che 4,2 milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell’inquinamento da PM 2,5 – particelle di inquinamento più piccole di 2,5 micrometri, o circa 30 volte più piccole di un capello umano. Quando si respirano le particelle, viaggiano in profondità nei polmoni, e alcune possono entrare nel flusso sanguigno; l’inquinamento è collegato a malattie cardiache e polmonari.

Gli studi passati hanno esaminato i dati satellitari e di superficie per stimare i livelli globali di questo tipo di inquinamento atmosferico, ma queste stime non isolano quanto viene dalla combustione di combustibili fossili piuttosto che da altre fonti come la combustione del legno.

inquinamento combustibili fossili

“Quello che otteniamo generalmente è un livello di inquinamento da tutte le fonti, ed è molto difficile identificare quanto inquinamento proviene dalla polvere o dagli incendi o dalla combustione di combustibili fossili”, dice Karn Vohra, uno studente laureato presso l’Università di Birmingham del Regno Unito e uno degli autori dello studio insieme a scienziati dell’Università di Harvard e dell’Università di Leicester. I ricercatori hanno voluto concentrarsi specificamente sui combustibili fossili, dice, perché è qualcosa che è relativamente facile da controllare – sappiamo come passare alle energie rinnovabili e alle auto elettriche, ma è più difficile prevenire gli incendi boschivi in California e Australia.

Invece di usare dati satellitari, i ricercatori hanno usato un modello 3D globale della chimica atmosferica gestito da scienziati dell’Università di Harvard e dell’Università di Washington. Hanno diviso il mondo in griglie di 50 per 60 chilometri e poi hanno inserito i dati locali sulle emissioni di combustibili fossili e le condizioni meteorologiche per capire i livelli di inquinamento. Poi hanno usato i più recenti modelli epidemiologici per stimare le morti da alti livelli di inquinamento atmosferico. Le valutazioni aggiornate del rischio per la salute stimano un numero più alto di morti rispetto al passato. È possibile che i numeri siano ancora peggiori; Vohra dice che è necessaria una maggiore ricerca sugli impatti sulla salute nelle città più inquinate. (Il numero totale di morti per inquinamento atmosferico è sicuramente più alto, dal momento che il nuovo studio guarda solo ai combustibili fossili).

I dati possono essere utilizzati per sostenere gli argomenti a favore di una rapida transizione dai combustibili fossili mentre i paesi fanno piani per tagliare le emissioni a causa del cambiamento climatico. Un passaggio alle energie rinnovabili può essere particolarmente utile in India e in Cina. Circa il 60% dei decessi avvengono questi due paesi. “Se questi due paesi controllassero le loro emissioni di combustibili fossili, ci sarebbe un impatto molto significativo”, dice Vohra. Dovranno anche evitare di esportare l’inquinamento altrove. La Cina, che prevede di diventare carbon neutral entro il 2060, dovrebbe ridurre il suo uso del carbone a livello nazionale, ma dovrà anche smettere di investire in nuove centrali a carbone in paesi come il Pakistan e il Bangladesh.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini