COP26, 5 scappatoie che consentono all’industria dei combustibili fossili di continuare a inquinare

cop26 combustibili fossili

Per raggiungere gli obiettivi climatici, i combustibili fossili devono rimanere nel terreno. Ma i negoziati della COP26 lasciano molte scappatoie che l’industria dei combustibili fossili può sfruttare, e continuare a prosperare.

COP 26, il fallimento del vertice e il proliferare dell’industria dei combustibili fossili

Affinché il vertice sul clima di Glasgow venisse giudicato un successo, un risultato chiave doveva essere che le parti concordassero sul fatto che la maggior parte delle riserve mondiali di combustibili fossili deve essere lasciata nel terreno.

Come suggerisce una recente ricerca, l’89% del carbone e il 59% delle riserve di gas devono rimanere nel terreno se ci deve essere anche solo il 50% di possibilità che l’aumento della temperatura globale rimanga sotto il limite cruciale di 1,5℃ in questo secolo.

Il summit COP26, però, non è stato all’altezza di questa ambizione perché ci sono troppe scappatoie che l’industria dei combustibili fossili può sfruttare.

Sono state avanzate alcune proposte promettenti, tra cui l’impegno a tagliare le emissioni di metano, alcuni obiettivi di riduzione delle emissioni a livello nazionale, limiti alla deforestazione e la cessazione di alcuni finanziamenti esteri dei combustibili fossili.

Nella giornata di giovedì 11 novembre, 13 Paesi hanno dato vita a una nuova alleanza per porre fine alla produzione di gas e petrolio entro i loro confini, guidata da Danimarca e Costa Rica. Ma la maggior parte delle proposte soffre di una mancanza di ambizione o di una mancanza di partecipazione dei Paesi chiave.

Se si considera l’impegno di tagliare le emissioni di metano, ad esempio, alcuni dei più grandi produttori di emissioni di metano come la Russia, la Cina e l’Australia non hanno firmato. Allo stesso modo, il piano per eliminare gradualmente il carbone permette ad alcuni firmatari come l’Indonesia di continuare a costruire centrali elettriche a carbone.

Ciò di cui soffrono queste proposte e, in effetti, l’intero processo COP, è l’incapacità di affrontare il fatto che, se si vuole davvero evitare il peggio del cambiamento climatico, semplicemente non si può continuare ad estrarre combustibili fossili.

5 scappatoie che consentono all’industria dei combustibili fossili di continuare a inquinare

In sostanza, finché i governi nazionali e i loro negoziatori saranno disposti ad ascoltare gli interessi delle lobby dei combustibili fossili, il processo COP continuerà ad essere pieno di scappatoie che faranno deragliare il raggiungimento di obiettivi reali. In particolare, è possibile individuare cinque grandi scappatoie.

1. Sussidi e finanziamenti all’industria dei combustibili fossili

Molto è stato fatto sulla Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ), una coalizione globale di istituzioni finanziarie che mira ad accelerare la decarbonizzazione dell’economia.

Ma molti dei suoi sforzi saranno minati finché i governi continueranno a sovvenzionare l’industria dei combustibili fossili. Con i sussidi per i combustibili fossili a livello globale, che ammontano a 11 milioni di dollari (15 milioni di dollari australiani) ogni minuto, la GFANZ non ha la possibilità di fermare le emissioni, perché sovvenzionare i costi di produzione e di vendita dei combustibili fossili continua a rendere l’industria fattibile.

Inoltre, la GFANZ è volontaria, quando invece c’è bisogno che gli impegni siano vincolanti. Include anche le banche che hanno recentemente fornito 575 miliardi di dollari (787 miliardi di dollari australiani) in finanziamenti per i combustibili fossili ad alcuni dei più grandi inquinatori del mondo.

I governi non dovrebbero aspettare le future COP per affrontare questo problema. Paesi come l’Australia dovrebbero iniziare immediatamente a ridurre i sussidi che rendono l’industria redditizia e non dovrebbero prenderne in considerazione di nuovi, come la proposta del National Party in Australia per una linea ferroviaria per il carbone a Gladstone.

2. Nuovi progetti nell’industria dei combustibili fossili

Nonostante la consapevolezza che la maggior parte delle riserve mondiali di combustibili fossili deve rimanere nel terreno, i governi stanno ancora approvando nuovi progetti.

Il governo del Regno Unito ha 40 progetti di combustibili fossili in cantiere nonostante sia ospite della COP26.

Anche l’Australia continua ad approvare nuovi sviluppi di gas e carbone. Il governo del Nuovo Galles del Sud ha approvato otto nuovi progetti dal 2018, nonostante l’obiettivo dello stato di ridurre le emissioni del 50% entro il 2030.

Finché i futuri negoziati sul clima non metteranno al bando nuovi progetti di combustibili fossili e non concorderanno una chiara e rapida eliminazione graduale degli attuali livelli di produzione, l’industria dei combustibili fossili continuerà a prosperare.

3. Creazione di nuovi affari

Un’ulteriore scappatoia per l’industria dei combustibili fossili è che le viene permesso di preservare i suoi enormi livelli di produzione perché si è impegnata (in alcuni casi) a rendere le sue operazioni più verdi.

Misure come la cattura e lo stoccaggio del carbonio e la compensazione sono state propagandate da alcuni governi come soluzioni per ridurre le emissioni dell’industria. Ma queste non sono soluzioni reali se semplicemente permettono alla produzione e all’uso dei combustibili fossili di continuare a livelli pericolosi.

Mentre la compensazione dovrà giocare un ruolo nella riduzione delle emissioni in alcuni settori difficili da abbattere, come l’aviazione e l’agricoltura, non è un sostituto per i veri tagli all’uso dei combustibili fossili e dà ingannevolmente l’impressione che le compagnie di combustibili fossili stiano diventando verdi.

4. L’influenza dei rappresentati dell’industria dei combustibili fossili alla COP26

Queste scappatoie che permettono la produzione di combustibili fossili non sono, ovviamente, un caso. Il gruppo più numeroso di rappresentanti alla COP26 proveniva dall’industria dei combustibili fossili.

Una delle caratteristiche sorprendenti e inquietanti degli approcci governativi al cambiamento climatico è l’impatto delle compagnie di combustibili fossili sul processo decisionale. È difficile pensare ad altre questioni (fumo, negoziati di pace) sulla quale venga tollerata questo tipo di influenza e di condizionamento.

5. Disaccoppiamento della produzione

Il fallimento nell’affrontare queste scappatoie significherà che la produzione di combustibili fossili in paesi come l’Australia continuerà molto più a lungo di quanto dovrebbe.

Il fatto che ci siano ancora acquirenti disposti a comprare attività di combustibili fossili come le miniere di carbone di BHP nel Queensland indica che gli investitori si aspettano anni di profitti (e poche responsabilità climatiche) dai combustibili fossili, nonostante le misure proposte alla COP26.

Uno dei fallimenti più evidenti della COP26 è l’incapacità di collegare i tagli alle emissioni con i tagli alla produzione. Da nessuna parte questo è più evidente che in paesi come la Norvegia, che hanno impressionanti obiettivi di riduzione interna (55% entro il 2030) ma continuano a sostenere la produzione di combustibili fossili attraverso l’esplorazione di petrolio e gas.

Una chiave per progredire durante future COP e a livello nazionale è porre fine alla falsa idea che si possano fare progressi sul clima tagliando le emissioni interne e sostenendo contemporaneamente la produzione di combustibili fossili. Se paesi come l’Australia e la Norvegia non riescono a trovare un accordo sul taglio del sostegno alla produzione, allora continuerà ad assistere a scappatoie che permettono all’industria di prosperare.

Alcuni paesi stanno facendo passi positivi. L’alleanza Beyond Oil and Gas che mira ad eliminare gradualmente la produzione è la chiave per tagliare l’offerta di combustibili fossili.

Un’azione multilaterale come questa, sia come parte della COP che al di fuori di essa – e, soprattutto, la pressione dal basso che la causa – deve essere un punto focale se si vuole evitare il cambiamento climatico.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Ilaria Minucci