Air Protein, l’idea futuristica della startup per combattere il cambiamento climatico

air protein

La startup Air Protein ha proposto un’idea futuristica per combattere il cambiamento climatico, usando una vecchia tecnologia già usata dalla NASA.

Air Protein, l’idea futuristica della starup per combattere il cambiamento climatico

Gli scienziati di Air Protein stanno sfruttando una tecnologia NASA vecchia di decenni per estrarre molecole dall’atmosfera e preparare un hamburger con la prima fonte proteica a zero emissioni di carbonio sul pianeta.

Air Protein, nota per il suo impegno verso l’ambiente e la società, mira a contrastare in questo modo il cambiamento climatico. La CO2 nell’atmosfera terrestre è alla sua più alta concentrazione da 3,6 milioni di anni, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration. Anche se l’industria dei trasporti (cioè auto, camion, treni, barche e aerei) viene spesso incolpata come il principale colpevole, molti non sanno che il secondo maggior contribuente è l’agricoltura, che rappresenta oltre il 24% delle emissioni di gas serra, e rivaleggia con tutti i mezzi di trasporto che bruciano combustibili fossili messi insieme.

Gli umani stanno letteralmente mangiando nel caos climatico, man mano che si finisce la terra coltivabile. Anche se l’agricoltura tradizionale non fosse così problematica per l’ambiente, c’è un’altra questione incombente che non può risolvere: come nutrire i 10 miliardi di persone che si prevede popoleranno il pianeta entro il 2050, cosa che, secondo il Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite, richiederebbe un aumento del 70% della produzione alimentare con i metodi attuali.

Ma se invece di usare terra e animali per nutrire l’umanità, potessimo tirare fuori una soluzione dal nulla? Questo è quello che sta facendo Air Protein, un’azienda alimentare di Pleasanton, California. Utilizzando la tecnologia della NASA che risale a più di mezzo secolo fa, Lisa Dyson, insieme al collega John Reed, ha trovato un modo per frullare elementi presi dall’aria con colture vive per produrre proteine che vengono combinate con ingredienti culinari per produrre una “alternativa di carne che non richiede un compromesso tra gusto, nutrizione e minaccia climatica“.

A quanto pare, combattere il cambiamento climatico può avere l’aspetto e il sapore del pollo.

Il progetto della startup

I fondatori hanno depositato il loro primo brevetto per la trasmissione del carbonio nel 2007 e il prodotto è stato finalmente lanciato nel 2019 dopo la prova del concetto. È ufficialmente la prima fonte proteica negativa al carbonio e positiva per la terra. “Usiamo risorse minime e terra esponenzialmente minima”, ha spiegato Dyson. “Infatti ci vorrebbe una fattoria di soia grande come il Texas per produrre la stessa quantità di proteine che possiamo produrre in una Air Farm grande come Disney World”.

Anche i grandi investitori scommettono sul nuovo processo. L’azienda ha chiuso un round di Serie A da 32 milioni di dollari nel gennaio 2021, che la società spera di utilizzare per commercializzare la tecnologia in modo che sia in grado di scalare per la produzione su larga scala.

“Vedo Air Protein come un impatto sul futuro della carne, creando un modo completamente nuovo di fare la carne”, ha sottolineato Dyson. “Spero che ispiri gli innovatori di domani, facendo loro sapere che possiamo risolvere i problemi del cambiamento climatico e della deforestazione, dobbiamo solo concentrare le nostre energie per trovare queste soluzioni”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Ilaria Minucci