Abbiamo bisogno di una nuova definizione di leadership climatica da parte delle aziende

L'odierna definizione di leadership climatica in un'azienda è incentrata su come le aziende possono fare meno danni. Invece dovrebbe riguardare la creazione di un futuro prospero.

leadership climatica aziende
leadership climatica aziende

Alcuni degli insegnamenti più fondamentali dell’umanità ci sono stati dati dal nostro pianeta. I sistemi naturali della Terra dimostrano tutto, da come prosperare in tempi di perturbazione a come prendere le distanze sociali in modo appropriato. E così pure ci ha fornito indizi su come gli esseri umani potrebbero rispondere adeguatamente alla crisi climatica. Quando le acque sgorgano su un argine, hanno un potere che può inondare o distruggere tutto ciò che cerca di contenerle. Cercare di mettere parametri o agire intorno alla crisi climatica è come cercare di trattenere il diluvio con le nostre mani.

Le strutture che abbiamo costruito per cercare di definire il modo in cui rispondiamo alla crisi e chi ha voce in capitolo vengono inondate da voci nuove e diverse – e stanno portando a una visione molto più espansiva di ciò che è possibile. I giovani attivisti del clima hanno dato nuova vita al movimento, non più vincolati dalla regola che solo gli adulti dovrebbero avere voce in capitolo. Così come il movimento per la giustizia ambientale, le richieste di una rinascita del movimento femminista, e le giornaliste che hanno lasciato l’ovile dei media tradizionali per fare il proprio reportage quando i vecchi canoni si sono rivelati insufficienti.

Che ruolo hanno le aziende?

L’odierna definizione di leadership climatica aziendale è incentrata su come le aziende possono fare meno danni, riducendo gradualmente le loro emissioni – e i danni che causano – nel tempo. Ma vedere la crisi climatica solo attraverso la lente del proprio contributo al problema porta le aziende a concentrarsi su una fetta molto ristretta delle soluzioni climatiche disponibili. Se vista da un punto di vista più ampio, che comprende le fonti di emissione, i pozzi di assorbimento naturale del carbonio della Terra e i cambiamenti sociali necessari per sostenere il tutto, si vede un quadro più completo di un mondo che potrebbe essere possibile, e una tabella di marcia per il suo raggiungimento.

Ogni azienda deve ora chiedersi non solo “come possiamo ridurre le nostre emissioni il più rapidamente possibile”, ma anche “come possiamo utilizzare tutte le nostre risorse, l’influenza, la passione dei nostri dipendenti e la nostra comunità più ampia per contribuire a costruire un mondo in cui tutti gli esseri viventi possano prosperare”.

leadership climatica aziende

Per iniziare ad affrontare la crisi in modo più completo alla velocità, alla scalabilità e al livello di espansione richiesti, le aziende non dovrebbero concentrarsi solo sulla riduzione delle emissioni, ma anche sull’accelerazione di queste aree critiche:

  • Definizione di obiettivi più ambiziosi ed espansivi
  • Attivazione e abilitazione di dipendenti e clienti
  • Allineare la strategia esterna/interna
  • Usare la loro influenza per sostenere la politica climatica a tutti i livelli di governance

Gli obiettivi sono cruciali perché indicano la direzione, definiscono ciò che stiamo raggiungendo e le risorse necessarie per raggiungerlo. E la definizione di obiettivi è il modo principale in cui la maggior parte delle aziende articola la propria ambizione per il clima.

Ma l’attuale livello degli obiettivi climatici aziendali, pari a zero da diversi decenni, è grossolanamente insufficiente per la portata del problema. Questo tipo di obiettivi a lungo termine è adeguato solo se ogni azienda sulla Terra non solo si impegnasse allo stesso modo, ma li raggiungesse prima della scadenza, una prospettiva altamente improbabile. E gli obiettivi di riduzione delle emissioni a lungo termine – gli obiettivi di riduzione delle emissioni a lungo termine mancano troppo spesso di obiettivi intermedi e di meccanismi di responsabilità per garantire che queste promesse si trasformino in riduzioni delll’utilizzo di gas serra.

L’importanza di definire obiettivi più ampi

La definizione di obiettivi più ampi e ambiziosi può comprendere temi come il modo in cui le aziende si presentano alle loro comunità, il loro coinvolgimento nella pianificazione urbanistica e gli sforzi e l’impegno dei loro dipendenti e delle loro comunità. Può rappresentare il modo in cui le aziende possono lavorare insieme, come unione di migliaia di individui: lavoratori, clienti e membri della comunità, con i loro pari e la società in generale per reimmaginare interi settori. Come afferma Rebecca Henderson, autrice di Reimagining Capitalism in a World on Fire, “Al loro meglio, le aziende sono comunità cooperative, che persuadono centinaia di migliaia di persone a lavorare insieme verso un obiettivo condiviso. Reimmaginare il capitalismo richiede questa capacità di cooperazione e di mobilitazione per risolvere i problemi pubblici su scala sempre più ampia”.

Ad esempio, esaminando uno dei settori a più elevate emissioni negli Stati Uniti, quello dei trasporti, come potrebbero riunirsi le agenzie di trasporto pubblico, i responsabili politici, le società di ride-sharing, le società di ricarica dei veicoli elettrici, gli aeroporti e i lavoratori stessi per immaginare che il sistema sia a emissioni zero, equo e accessibile entro 10 anni?

Ampliare il tipo di obiettivi climatici che le aziende si sono prefissate può anche portare più persone a lavorare. Come ha scritto recentemente su Vogue l’avvocato e sostenitrice dei diritti indigeni Tara Houska: “Sicuramente una crisi che può portare lo sradicamento di tutte le forme di vita richiede una diversità di pensiero, ma ho sentito che il nucleare, le energie rinnovabili, la compensazione del carbonio e le politiche elettorali sono state presentate come soluzioni più volte di quante ne possa contare”.

leadership climatica aziende

Un’attenzione ristretta alla riduzione delle emissioni di un’azienda spesso limita la discussione agli esperti tecnici o alla politica, e impedisce a un numero elvato di lavoratori all’interno di quelle aziende di portare il loro contributo al lavoro, limitando inutilmente il lavoro a quei problemi che possono essere risolti con la tecnologia.

Il fatto è che non dobbiamo solo raggiungere il “drawdown” – il momento in cui i livelli atmosferici dei gas serra raggiungono il picco e cominciano a diminuire – ma dobbiamo anche costruire il mondo dove possiamo sostenerlo. Questo richiede soluzioni tecnologiche, ma anche cambiamenti sociali e culturali, lavoro relazionale e di costruzione della comunità per portarci avanti.

E così tante persone vogliono contribuire. Considerando quanto la questione sia onnicomprensiva, e quanto sia grande, complessa e interconnessa, com’è possibile che solo una manciata di persone con la “sostenibilità” nel loro titolo possano lavorarci quotidianamente? In questa, la più grande e onnicomprensiva sfida di ogni generazione, ogni lavoro può e deve essere un lavoro incentrato sul clima. The Amazon Employees for Climate Justice rappresentano il tipo di potere che il pianeta ha modellato per noi, rifiutando di accontentarsi di un livello insufficiente di ambizione climatica e assumendosi la responsabilità di mantenere la loro azienda a uno standard più elevato. Ogni azienda dovrebbe accogliere questo tipo di pensiero e vederlo come un elemento essenziale di vera leadership sul clima.

È qui che si incontrano la strategia interna ed esterna: un profondo impegno all’interno delle mura aziendali e l’attivismo in strada, dove i dipendenti possono essere attivisti e gli attivisti possono essere dipendenti. Dove il nostro impegno e la nostra feroce lotta non sono smorzati da chi ci comanda, ma sono accolti e incoraggiati dai nostri datori di lavoro. Poichè, al di là del nostro luogo di lavoro, abbiamo gli occhi puntati sullo stesso obiettivo e stiamo marciando insieme verso di esso.

Per troppo tempo abbiamo cercato di mettere parametri e vincoli attorno a qualcosa di incontenibile. Ma la crisi climatica non rientra nei nostri schemi ben definiti, per quanto lo desideriamo. Si riversa in ogni altro aspetto della vita, quindi rispondere ad essa con questo livello di espansività è l’unico modo per andare avanti. Dobbiamo permettere che il lavoro si svolga ovunque, a tutti i livelli, e che prenda una forma molto più ampia di quanto abbiamo mai immaginato.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini