Jill Wagner: “Una semplice soluzione alla crisi climatica? Piantare alberi”

jill wagner

La responsabile della startup Terraformation, Jill Wagner, ha illustrato una semplice soluzione per combattere in modo efficace la crisi climatica ossia piantare alberi.

Jill Wagner: “Una semplice soluzione alla crisi climatica? Piantare alberi”

Per più di due secoli, un pezzo di terra di 45 acri sulla punta nord-ovest della Big Island delle Hawaii si è trasformato in una terra arida e desolata. La foresta di sandalo che una volta riempiva l’area è stata abbattuta dai taglialegna nel XIX secolo e il pascolo degli animali ha impedito la nascita di nuovi alberi che avrebbero dovuto prendere il posto di quelli tagliati. Con poche precipitazioni e senza copertura arborea, il suolo si è lentamente prosciugato e la terra è diventata sterile. Circa il 90% di tutte le foreste secche tropicali delle Hawaii sono andate incontro a una sorte simile, lasciando solo una manciata di questi rari ecosistemi sparsi nello Stato.

Ora, Jill Wagner sta riportando questo appezzamento di terra alla sua antica bellezza e abbondanza di alberi. La responsabile della silvicoltura della startup Terraformation ha un piano per rinvigorire le foreste secche tropicali delle Hawaii e poi rimboschire alcuni degli ambienti più desolati del mondo.

A questo proposito, la responsabile di Terraformation ha spiegato: “Dobbiamo ripristinare miliardi di acri“.

A Big Island, Jill Wagner ha già piantato 5.500 piante: si tratta principalmente alberi di Acacia koa, uno degli alberi più comuni nelle isole Hawaii.

Terrafonrmation, il progetto di rimboschimento della startup di Yishan Wong

Il rimboschimento di terreni aridi, tuttavia, presenta alcuni problemi specifici: la prima difficoltà da superare consiste nel trovare abbastanza acqua dolce per irrigare i giovani alberi. Per aggirare questo problema, il fondatore di Terraformation ed ex CEO di Reddit, Yishan Wong, ha costruito quello che è stato descritto come il più grande impianto di desalinizzazione dell’acqua off-grid ad energia solare del mondo, trasformando l’acqua salmastra estratta da un pozzo vicino in acqua dolce.

Wong, infatti, ha precisato: “Ora è possibile, per la desalinizzazione, sfruttare un sistema alimentato dal solare, e ora possiamo produrre arbitrariamente grandi quantità di acqua dolce utilizzando energia pulita”.

Secondo quanto riferito da Jill Wagner, poi, un’altra sfida da affrontare è trovare abbastanza semi da piantare: “La banca dei semi e la disponibilità dei semi è un enorme collo di bottiglia”.

Nel 2008, la responsabile di Terraformation ha fondato la Hawaii Island Seed Bank, e da allora raccoglie semi, li asciuga, li congela e li conserva per assicurarsi che siano disponibili per progetti futuri. Ha anche aiutato a progettare una banca dei semi che si inserisce in un container di 12 metri con aria condizionata e deumidificazione a energia solare. Una banca di semi mobile è stata spedita a una delle organizzazioni partner di Terraformation in Uganda come parte di un progetto per riforestare 450 acri nei prossimi cinque anni.

Big Island, Jill Wagner e il ripristino di 294 acri di foresta

Per quanto riguarda Big Island, Jill Wagner sta ripristinando 294 acri di foresta, compresa una fattoria di noci di macadamia abbandonata che intende destinare alla coltura di alberi di mogano, fornendo anche spazio per il pascolo delle pecore.

A ogni modo, questo è solo l’inizio dei progetti di Terraformation: Wong ha riferito che l’organizzazione mira a ripristinare tre miliardi di acri di foresta nativa nelle regioni tropicali per azzerare una grossa fetta dell’anidride carbonica attualmente presente nell’atmosfera.

Piantare alberi potrebbe avere un enorme impatto sulla crisi climatica. Secondo il progetto no-profit Project Drawdown, la riforestazione di 709 milioni di acri di terra degradata nei tropici potrebbe ridurre tra 55 e 85 miliardi di tonnellate di anidride carbonica entro il 2050.

Pertanto, è necessario piantare alberi adatti all’ambiente locale, assicurarsi che quegli alberi rimangano nel terreno e lavorare con le comunità locali per assicurarsi che la terra sia adatta alle loro esigenze. L’approccio di Terraformation è quello di lavorare con organizzazioni partner che hanno l’esperienza locale necessaria per costruire foreste che crescano fino alla piena maturità. L’azienda ha progettato dei corsi per la raccolta dei semi e la gestione dei vivai, che intende utilizzare per aiutare i piantatori di foreste in tutto il mondo.

Wagner sta ora iniziando il lento processo di svezzamento della sua foresta appena piantata dal sistema di irrigazione di cui ha bisogno per sopravvivere. Man mano che gli alberi mettono radici, dovrebbero aiutare il terreno, una volta arido, a trattenere l’acqua e rendere più facile l’insediamento di altre piante. In dieci o 20 anni la foresta dovrebbe essere in grado di sopravvivere da sola.

È un percorso lungo, ma per Wagner, è l’unico modo per invertire l’impatto che l’uomo ha avuto sulle foreste delle Hawaii e non solo: “È molto importante proteggere la biodiversità sul nostro pianeta”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Ilaria Minucci