Sei mai stato in una spiaggia di sabbia verde? Il nuovo geohack per combattere i cambiamenti climatici

Il progetto Vesta sta conducendo un esperimento diffondendo un minerale verde sulle spiagge, dove la sua interazione con le onde estrarrà carbonio dall'aria.

Project Vesta
The green sand beach "Papakolea" in Hawaii, one of 4 green beach in the world. The source of green sand was from the weathering of Tholeiite basalt.

Su una spiaggia dei Caraibi, un’organizzazione no profit chiamata Project Vesta inizierà presto a testare un nuovo modo per combattere radicalmente i cambiamenti climatici che vede come protagonista la diffusione dell’olivina macinata, un minerale verde a buon mercato, sulla sabbia, dove le onde dell’oceano romperanno il minerale, che a sua volta estrarrà la CO2 dall’aria. “La nostra visione è quella di contribuire a invertire il cambiamento climatico trasformando un trilione di tonnellate di anidride carbonica in roccia”, afferma Tom Green, direttore esecutivo del Progetto Vesta.

Il Project Vesta per combattere i cambiamenti climatici

Project Vesta

L’idea è quella di accelerare un processo naturale che normalmente avviene molto lentamente, nel tempo geologico. “Quando la pioggia cade su rocce vulcaniche, quelle rocce si dissolvono un po’, e si innesca una reazione chimica che tira l’anidride carbonica fuori dall’atmosfera e nell’acqua come una molecola chiamata bicarbonato,” dice Green. Macinare l’olivina, e poi diffonderla sulle spiagge dove le onde oceaniche possono romperlo ulteriormente, innesca la stessa reazione chimica che tira fuori la CO2 dall’aria.

Nell’acqua, gli organismi marini usano il bicarbonato per costruire conchiglie, e alla fine finiranno come calcare sul pavimento dell’oceano. Studi passati hanno teorizzato che il processo funziona, ma fino ad ora, nessuno ha tentato di farlo effettivamente sulle spiagge. “Circa 30 anni di ricerca scientifica sono andati in questa direzione, tra cui un sacco di lavoro teorico e un sacco di esperimenti di laboratorio,” dice Green. “Noi siamo venuti qui per dire: perché tutto ciò è ancora fermo in laboratorio? Abbiamo bisogno di esperimenti reali sulla spiaggia per dimostrare che questo funziona davvero in natura. . . Noi esistiamo per attraversare quel percorso tra il mondo accademico, che stava facendo molti esperimenti teorici, e, in ultima analisi, il governo e l’implementazione finanziata privatamente”.

L’organizzazione no profit è nata da un think tank chiamato Climitigation che ha lavorato per identificare soluzioni per il cambiamento climatico che avevano un potenziale su larga scala, ma pochi investimenti finora. “Questa particolare tecnologia è stata quella che è davvero spiccata in cima alla lista per avere davvero un sacco di potenziale per contribuire a invertire il cambiamento climatico, e ha avuto relativamente piccoli investimenti”, dice. Il progetto Vesta ha ora un finanziatore: Stripe, la società di elaborazione delle carte di credito, che l’anno scorso si è impegnata a spendere 1 milione di dollari per le “emissioni negative”, o le tecnologie di rimozione del carbonio. L’organizzazione no profit sta ora lavorando per raccogliere altri 1,5 milioni di dollari per i suoi primi esperimenti.

Ci sono potenziali sfide ecologiche che potrebbero derivare dalla diffusione di una roccia sulle spiagge dove non esisterebbe naturalmente. Alcuni critici sollevano la possibilità che l’olivina possa rilasciare metalli pesanti come il nichel, anche se Green dice che il nichel rilasciato nell’acqua non è biodisponibile, il che significa che non dovrebbe avere un impatto sulle specie marine. Ma l’esperimento iniziale monitorerà attentamente la concentrazione di metalli nell’acqua, nella sabbia e nei tessuti degli organismi locali, in quanto cerca di comprendere appieno tutti gli impatti dell’intervento.

Ulteriori vantaggi di questo metodo innovativo

Project Vesta

È possibile che il processo possa giovare alla vita marina perché aiuta anche a combattere l’acidificazione degli oceani; l’eccesso di CO2 sta rendendo l’oceano così acido che i gusci di animali come il granchio di Dungeness stanno cominciando a dissolversi, ma il bicarbonato prodotto dalla roccia resistente aiuta a ridurre l’acidità. Alla fine di quest’anno, in attesa di alcuni ritardi legati al coronavirus e di ulteriori raccolte fondi, l’organizzazione no profit prevede di iniziare a testare il processo in una baia su un’isola caraibica non chiusa, e confronterà i risultati con un’altra baia vicina senza il trattamento.

Mentre rimane ancora da dimostrare, se funziona, che abbia alcuni vantaggi rispetto ad altri approcci per la rimozione del carbonio. I nuovi impianti di cattura diretta dell’aria sono costosi; ripristinare le foreste può aiutare, ma non è necessariamente una forma permanente di cattura del carbonio se le foreste vengono poi bruciate o gli alberi vengono abbattuti. L’olivina può essere estratta e portata sulle spiagge al costo di 10 dollari per tonnellata di carbonio catturato. Le onde oceaniche fanno naturalmente il resto del lavoro.

“Sarebbe di gran lunga il metodo di cattura permanente del carbonio più economico”, afferma. “Ed è anche un modo molto scalabile, perché una volta completati i nostri esperimenti, avremo il progetto, e saremo in grado di dire a qualsiasi governo, a qualsiasi azienda del mondo come si fa.” Se viene trovata la prova che il processo funziona, Project Vesta prevede di condividere le istruzioni open source da replicare. Fatto su larga scala sulle spiagge e nelle acque poco profonde potrebbe fare una grande differenza. “Se disperdiamo l’olivina su oltre il 2% del mare del mondo, questo sarà sufficiente per catturare il 100% delle emissioni umane”, afferma Green.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Redazione Think