Il sistema finanziario statunitense deve prepararsi al cambiamento climatico

Il cambiamento climatico (incendi, uragani e altri disastri) rappresenta una minaccia che permea il sistema finanziario statunitense.

sistema finanziario cambiamento climatico
sistema finanziario cambiamento climatico

Il cielo arancione a causa degli incendi segnala che le conseguenze del cambiamento climatico sono già arrivate. Ma mentre tendiamo a concentrarci sulla morte e sulla distruzione derivanti dalla crescente frequenza e gravità degli incendi e di altri disastri, spesso prestiamo meno attenzione ai modi in cui i loro costi si riversano sul il sistema finanziario.

Gli incendi che infuriano in Occidente illustrano il problema. I loro danni senza precedenti hanno spaventato le compagnie di assicurazione, che hanno aumentato i tassi, hanno ridotto la copertura per le proprietà ad alto rischio e si sono persino allontanate completamente dai mercati, deprimendo i valori delle proprietà. Questo ha costretto Stati come la California a intervenire e ad offrire una maggiore copertura per i residenti colpiti. Oltre a mettere i contribuenti in difficoltà, potrebbe anche portare a fallimenti, grandi perdite per i detentori di obbligazioni e crisi finanziarie.

Le persone in Occidente non sono le uniche ad affrontare questi problemi. Siccità e inondazioni stanno diventando sempre più comuni in molte regioni, minacciando i raccolti, la proprietà e le infrastrutture, mentre aumentano i premi assicurativi.

Un accordo unanime da parte di un gruppo eterogeneo

È stato costituito un sottocomitato lo scorso novembre dalla Commodity Futures Trading Commission, l’agenzia governativa che regola gli strumenti finanziari complessi noti come derivati. Questo è stato un po’ sorprendente, dato che l’amministrazione Trump, che ha nominato i commissari, è stata costantemente ostile agli sforzi per combattere o addirittura valutare i rischi del cambiamento climatico.

sistema finanziario cambiamento climatico

Il gruppo comprendeva rappresentanti di compagnie petrolifere, agroalimentari, banche, società di investimento e organizzazioni ambientali, oltre a una manciata di accademici. Il loro compito era di valutare a grandi linee le implicazioni del cambiamento climatico per il sistema finanziario e di fornire raccomandazioni al governo. E lo hanno fatto, scrivendo un rapporto di 166 pagine con decine di raccomandazioni, alcune delle quali potenzialmente controverse, come l’aggiunta dei costi dei danni climatici al prezzo dei combustibili fossili.

Sorprendentemente, questo gruppo eterogeneo ha votato all’unanimità per adottare il rapporto e trasmetterlo alla Commodity Futures Trading Commission, che lo ha rilasciato il 9 settembre.

La scoperta chiave – e quella che sta alla base di tutto – è questa: il cambiamento climatico, in parte aumentando i rischi e la gravità di incendi, uragani e altri disastri, rappresenta una minaccia che permea il sistema finanziario statunitense. E così il governo deve rendere più visibili i rischi legati al clima e preparare il sistema finanziario alle perturbazioni.

Gestire i rischi climatici

Due tipi di rischio sono associati al cambiamento climatico: fisico e di transizione.

Il rischio fisico ha dominato le notizie ultimamente nella copertura di incendi e tempeste. Si tratta semplicemente della minaccia che il cambiamento climatico rappresenta per la vita, la proprietà e la salute pubblica. Proprio come il fumo degli incendi in Occidente ha soffiato su gran parte degli Stati Uniti, l’impatto di questi incendi e di altri disastri può andare alla deriva nel sistema finanziario statunitense con conseguenze a cascata.

Il rischio di transizione, d’altra parte, riguarda più i costi associati alle nostre risposte al cambiamento climatico, come improvvisi cambiamenti nella politica o nelle preferenze e nei comportamenti delle persone.

sistema finanziario cambiamento climatico

Se i governi intraprendessero un’azione improvvisa e drammatica per ridurre l’uso dei combustibili fossili, attraverso un prezzo elevato del carbonio o un mandato più forte, i valori delle aziende che trovano, estraggono, lavorano e consegnano questi combustibili potrebbero precipitare. Le aziende suscettibili di rapide svalutazioni come conseguenza delle azioni governative – o dei cambiamenti nelle preferenze della società – hanno un alto rischio di transizione, che dovrebbe di conseguenza ridurre il loro valore oggi.

Aiutare il sistema a vedere i rischi

Tuttavia, affinché gli investitori tengano conto dei rischi fisici e di transizione, questi rischi devono essere quantificati e resi noti.

Un primo passo, e la raccomandazione più importante del rapporto, è che i legislatori dovrebbero dare un prezzo alle emissioni di carbonio. Attualmente il governo sovvenziona il costo dei combustibili fossili attraverso agevolazioni fiscali e altri meccanismi. Incorporare l’intero costo delle perturbazioni climatiche nel prezzo di questi combustibili contribuirebbe a reindirizzare enormi somme di denaro verso tecnologie e industrie rispettose del clima.

Ma da solo non basta, perché il clima è già stato perturbato, e occorre fare di più per aiutare il sistema finanziario a vedere e reagire a una varietà di rischi mutevoli.

Il governo può aiutare le banche e le altre società finanziarie a farlo, specificando come devono misurare e segnalare i rischi finanziari derivanti dal cambiamento climatico. Il governo può anche richiedere alle società quotate in borsa in tutti i settori di identificare e segnalare i rischi climatici utilizzando tecniche di misurazione trasparenti, in modo che gli investitori si fidino dei numeri, che devono essere comparabili tra le istituzioni e, idealmente, tra i settori, in modo che le persone possano utilizzarli nel processo decisionale.

I rischi economici del cambiamento climatico nel sistema finanziario statunitense sono attualmente troppo difficili da comprendere per gli investitori e le autorità di regolamentazione.

Illuminarli aiuterà i mercati a lavorare a vantaggio di tutti. In primo luogo, questo ridurrà il rischio di un improvviso crollo del mercato. In secondo luogo, informazioni chiare e comparabili sui rischi scoraggeranno gli investimenti in attività che perturbano il clima e motiveranno gli attori economici a incentivare ulteriori soluzioni.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini