Mentre la disinformazione e la politica si scontrano sul Covid, i social network devono fare una scelta

Facebook, Google e Twitter: i social network devono decidere se regolamentare e arbitrare la disinformazione politica sul Covid.

disinformazione politica covid
disinformazione politica covid

I ricercatori che osservano il vortice costante di mala informazione e disinformazione riguardo al Covid-19 dicono che sta per diventare molto politico. Ciò potrebbe rappresentare un problema per piattaforme come Facebook, Google e Twitter. Durante l’epidemia Coronavirus, tutte e tre le reti hanno lavorato per promuovere le fonti appropriate di informazioni sanitarie ed eliminare i contenuti che potrebbero danneggiare gli utenti. Tuttavia, tradizionalmente hanno evitato di rimuovere le informazioni false caricate politicamente. Man mano che la disinformazione sanitaria diventa sempre più politicizzata, possono essere costretti a prendere posizione.

“Il Coronavirus e le percezioni dei suoi risvolti sul nostro paese diventeranno la questione centrale del 2020”, afferma Emerson Brooking, collega presso il Digital Forensic Research Lab dell’Atlantic Council.

Da quando il Covid-19 è apparso, è stato seguito da una persistente varietà di disinformazione, un fenomeno chiamato “infodemic” dal direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus. Anche se i ricercatori si sono mossi per decodificare la malattia, c’è stata una mancanza di informazioni concrete su di essa. Questo vuoto ha portato alcune persone a pubblicare video e blog che evidenziano le proprie false cure del Covid-19 e altre false informazioni, che spesso includono punti di vista nel dibattito sui vaccini. I ricercatori di Carnegie Mellon hanno scoperto che tra 200 milioni di tweet correlati al coronavirus, quasi la metà proveniva da account che mostravano un comportamento simile a quello di un bot. All’interno di quei tweet c’erano 100 diverse fake news.

A proposito di confusione sul Covid-19, il presidente Donald Trump ha costantemente minimizzato l’impatto del coronavirus e ha elogiato la risposta del governo federale. Ha anche dato così tante informazioni false o fuorvianti sul coronavirus e sui suoi potenziali trattamenti che un sondaggio Knight Foundation e Gallup Poll ha evdenziato che il 54% degli intervistati identifica il presidente Trump come una delle prime due fonti di disinformazione COVID-19. L’altra sono i social media.

Il Covid-19 arriva alle urne

Stanno arrivando gli Election Days e gli americani avranno l’opportunità di prendere posizione sul Covid-19 e su come è stato gestito sia dai loro stati sia dal governo federale. “Poiché la scienza è ancora lontana da sapere ciò che è il Covid-19 e su come danneggia il corpo, queste cose stanno per essere decise alle urne”, dice Joan Donovan, direttore di ricerca del Shorenstein Center on Media, Politics and Public Policy presso l’Università di Harvard.

disinformazione covid-19

Negli Stati Uniti, i governi statali hanno in gran parte portato l’onere della responsabilità per trovare e allocare risorse mediche e determinare le politiche di mitigazione. Ciò ha portato a una risposta a mosaico al Covid-19, con i governatori che adottano diversi approcci all’epidemia. Il governatore dell’Alabama Kay Ivey, ad esempio, non ha chiamato i residenti a rifugiarsi nelle loro case fino al 4 aprile e ha permesso alle imprese di iniziare a riaprire il 30 aprile con alcune regole di distanziamento sociale. New York, al contrario, ha stabilito il suo ordine di quarantena il 22 marzo. Ha iniziato a riaprire le attività in vari step, ma ha esteso il suo ordine di stare a casa fino al 13 giugno. Donovan dice che il successo di queste tattiche divergenti – le regole più caute di New York contro la spinta aggressiva dell’Alabama alla riapertura – saranno giudicate secondo linee politiche.

Stati membri stanno già adeguando i loro sforzi di conseguenza. Recentemente, il Dipartimento della Salute della Georgia ha pubblicato una mappa altamente fuorviante che ha fatto sembrare come se avesse un numero in calo di casi di coronavirus in tutto lo stato, cosa che non è vera. E non è il solo. La Virginia ha iniziato a incorporare test sierologici nel suo conteggio dei test giornalieri Covid-19 eseguiti, quando il conteggio è destinato a riflettere test virali. I test virali e i test sierologici indicano aspetti molto diversi della salute di una persona. I test virali determinano se qualcuno soffre di Covid-19; i test sierologici mostrano se una persona ha sviluppato una risposta immunitaria al virus.

Clark Mercer, capo dello staff del governatore della Virginia Ralph Northam, ha detto che i risultati sono stati combinati al fine di aumentare la posizione dello stato per il numero di test eseguiti pro capite.

La battaglia contro la disinformazione del COVID-19

disinformazione politica covid

Anche prima dell’epidemia di Covid-19, Twitter, Facebook e Google stavano aggressivamente cercando di scacciare la disinformazione sanitaria sulle loro piattaforme. Durante la pandemia, queste piattaforme hanno lavorato per aumentare la visibilità dei contenuti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie. Hanno anche rimosso contenuti che fanno affermazioni che potrebbero rappresentare una minaccia per la salute pubblica.

Facebook, Google e Twitter hanno storicamente evitato di esprimere giudizi sui contenuti politici

Mentre le piattaforme hanno fatto uno sforzo per combattere la disinformazione sanitaria e la disinformazione, Facebook, Google e Twitter hanno storicamente evitato di esprimere giudizi su contenuti politici o contenuti che non dicono esplicitamente allo spettatore di fare qualcosa che causerà loro danni. In passato, tutti e tre hanno sostenuto che sono solo piattaforme tecnologiche e non arbitri di verità.

I teorici della cospirazione hanno sfruttato questa posizione con grande effetto, creando disinformazione che si adatta strettamente alle regole di una piattaforma. Ad esempio, un video che suggerisce vaccini inefficaci o velenosi è considerato “contenuto borderline” da YouTube e viene quindi retrocesso nelle sue classifiche, ma non abbattuto. Questo non sempre ne ferma la diffusione. I creatori di contenuti possono utilizzare altre piattaforme per indirizzare gli spettatori ai loro video. E nel caso in cui un video venga ripreso, ad esempio nel caso del documentario virale Plandemic, crivellato di informazioni, più copie possono essere ricaricate sulla stessa piattaforma sotto titoli diversi, rendendo difficile per le piattaforme trovare le nuove versioni e rimuoverle.

Questi fattori rendono la politicizzazione del Covid-19 un argomento particolarmente difficile per le aziende tecnologiche che sono state attente a che tipo di contenuti sono disposti ad arbitrare e a come farlo. Anche se queste aziende hanno attuato una moderazione dei contenuti, devono ancora affrontare i difetti di progettazione intrinsechi nelle loro piattaforme che consentono alla malainformazione e alla disinformazione di raggiungere un vasto pubblico. Al contrario, le piattaforme hanno applicato alcuni approcci al problema, ad esempio, bloccando informazioni autorevoli alla fine di un video o contrassegnando le informazioni come false.

“Ci saranno sempre persone che vanno online ogni giorno e dicono che i vaccini non funzionano”, dice Donovan. Questo tipo di contenuto sale con tale frequenza e in una quantità così massiccia cheè pressohcè impossibile eliminare ogni falsa informazione su internet. Per contrastare la disinformazione in un modo adatto alla progettazione di piattaforme come Facebook, YouTube e Twitter, bisognerebbe combattere il fuoco con il fuoco.

disinformazione social media

“Dobbiamo vedere un enorme movimento pro-vaccino sprecare tonnellate di risorse solo perché i social media hanno deciso di non eliminare le voci e le posizioni di persone che andranno online e sosterranno punti di vista pericolosi o sbagliati? Quale sarebbe il valore in questo? Tuttavia questa è una delle uniche soluzioni sul tavolo.”

La salute viene politicizzata

Tutto questo solleva una domanda esistenziale per le piattaforme: possono continuare ad applicare un’azione frammentaria per combattere la disinformazione, o devono cambiare alcuni dei modi in cui le loro piattaforme sono progettate per funzionare? “C’è la consapevolezza che la neutralità non è più sostenibile o difendibile nel nostro ambiente attuale”, sostiene David Jay, capo della mobilitazione presso il Center for Human Technology.

Jay dice che le piattaforme stanno avendo feroci dibattiti interni su quanto dovrebbero comportarsi come la polizia. Mentre il ciclo elettorale riacquista l’attenzione nazionale e il Covid-19 emerge come un tema più ampio in quella conversazione, le piattaforme potrebbero ancora essere ossessionate dal confronto con la disinformazione di natura più politica. Tuttavia, ritiene che le piattaforme potrebbero utilizzare questo momento come un’opportunità per definire i loro valori e contenuti superficiali in base a tali priorità, proprio come fanno già per le informazioni sanitarie.

Le piattaforme stanno già segnalando come potrebbero reagire alla disinformazione sanitaria che diventa politica. Lo scorso ottobre, Twitter ha vietato gli annunci politici. Ha anche recentemente preso diversi tweet che suggerivano che l’idrossiclorochina sia un farmaco efficace contro il coronavirus, tra cui uno dell’ex sindaco di New York e avvocato personale del presidente Trump Rudy Giuliani. L’idrossiclorochina è stata usata in passato per trattare la malaria; tuttavia, ha gravi effetti collaterali, soprattutto per le persone che soffrono di problemi cardiaci, e non ci sono prove che sia efficace contro il coronavirus.

Poi martedì sera, Twitter ha fatto una mossa senza precedenti al presidente Trump. La piattaforma ha applicato un’etichetta a uno dei suoi tweet che diceva che l’uso di mail-in postali porterà a frodi elettorali. La piccola nota blu in fondo al tweet ha incoraggiato i lettori a “cerare i fatti” sulle mail-in. L’etichetta di avvertimento è stata utilizzata come un’estensione della politica di Twitter contro fuorvianti informazioni Covid-19, perché le schede mail-in cui Trump si riferiva venivano utilizzate a causa delle restrizioni di soggiorno a casa relative al virus. In un’intervista che spiega la decisione, il vicepresidente per le comunicazioni di Twitter Brandon Borrman ha detto a Will Oremus di One’ero, “L’azienda doveva fare ciò che è giusto”.

Malgrado l’apparente impegno di Zuckerberg per la neutralità, questo è un territorio complicato per Facebook.

Altre piattaforme possono essere meno proattive. Dopo le elezioni del 2016 e un’indagine del Congresso sulla capacità di Facebook di controllare il suo social network, il sito ha accumulato un team di fact-cheers per segnalare false informazioni (non per abbatterle). Gli annunci politici, tuttavia, hanno un’esenzione quando si tratta di fact-checking. Il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, ritiene che la policy delle informazioni politiche sia fondamentalmente diversa dai contenuti sanitari. In una conversazione con i giornalisti a marzo, ha spiegato la sua prospettiva su questo tema: “Ci sono autorità ampiamente attendibili . . . [che] possono decidere quali affermazioni sono teorie cospirative o bufale e ciò che è affidabile e ciò che non lo è, il che rende questo una dinamica molto diversa da cercare di essere arbitro del discorso politico”. Lo ha ribadito questa settimana, quando ha detto a Fox News che non pensava che le piattaforme tecnologiche dovessero essere “arbitri della verità”, uno riferimento alla decisione di Twitter di segnalare il tweet del presidente Trump.

disinformazione politica social

Malgrado l’apparente impegno di zuckerberg per la neutralità, questo è un territorio complicato per Facebook. Nel mese di marzo, inizialmente ha permesso al presidente Trump di pubblicare annunci pubblicitari che sembravano annunci per il censimento degli Stati Uniti. In seguito ha invertito tale decisione e ha tirato via gli annunci per aver violato la sua politica sulla falsa rappresentazione dell’indagine decennale.

Facebook ha anche lottato per la disinformazione sanitaria. Nel mese di maggio, ha tirato giù contenuti che fanno riferimento al video della cospirazione Plandemic. Ma un mese prima, due medici della California hanno caricato video su Facebook e YouTube in cui hanno detto che il rischio di contrarre Covid-19 e il numero di morti per la malattia sono stati sovrastimati. I video hanno suggerito che gli ordini di restare a casa non erano necessari. YouTube ha portato i video offline. Facebook non l’ha fatto, una scelta che è più in linea con la sua professata imparzialità.

In ultima analisi, potrebbe prevalere la neutralità di Zuckerberg. Giovedì, il presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo che incoraggia le autorità di regolamentazione a ridurre la sezione di una legge che consente ai social network di prelevare contenuti sui loro siti senza doversi preoccupare di cause legali. Alcuni ricercatori ritengono anche che Facebook è saggio ad evitare di esprimere giudizi su piccoli battibecchi politici. Paul Barrett, professore della NYU che studia disinformazione politica, scrive che la piattaforma potrebbe inserirsi nel discorso in modi che hanno il potenziale per fare grandi danni. “Le piattaforme non possono e non devono cercare di arbitrare ogni banalità che i politici raccontano l’uno dell’altro”, scrive. “Dovrebbero dare la priorità alle questioni e alle conseguenti dichiarazioni del giorno, proprio come i fact-checker di Facebook già cercano di fare”. La disinformazione riguardante il Covid-19, per quanto politica, potrebbe essere solo uno di questi argomenti.

Donovan di Shorenstein è d’accordo con David Jay al Center for Human Technology che le piattaforme alla fine dovranno fare una scelta. “Siamo entrati in acque inesplorate qui”, dice. “Per le aziende in particolare ci sarà un momento di calcolo in cui dovranno buttare giù l’ancora e capire in quale posizione staranno.”

Scrivi un commento

1000

What do you think?

Scritto da Redazione Think

tecnologia cosmetici

Come la tecnologia sta cambiando il modo in cui acquistiamo i cosmetici

Project Vesta

Sei mai stato in una spiaggia di sabbia verde? Il nuovo geohack per combattere i cambiamenti climatici