Le pandemie sono indicatori di danni all’ecosistema, le tempeste dei cambiamenti climatici

Come le pandemie indicano danni all'ecosistema, le tempeste sono indicatori dei cambiamenti climatici: le conseguenze del comportamento dell'uomo.

pandemie tempeste cambiamenti climatici
pandemie tempeste cambiamenti climatici

Una pandemia come il COVID-19 o un ciclone come quello che attualmente attraversa il Bengala Occidentale e il Bangladesh sono devastanti. Una pandemia è uno shock che dimostra quanto sia diventato fragile l’ecosistema globale. Cicloni e altri pericoli meteorologici mostrano quanto sia fragile il clima. L’umanità ha ricevuto segnali di allarme per anni ma non li ha mai presi sul serio. Il Cyclone Amphan si sta abbattendo su India e Bangladesh in questo momento. Entrambi i paesi stanno ancora affrontando gli impatti del COVID-19 insieme a questo enorme ciclone che colpisce con venti che soffiano oltre 150 km/ora e il rischio di un’onda di 5/6 metri. Questa è una delle regioni più densamente popolate del mondo.

Oltre 4 milioni di persone sono state evacuate negli ultimi giorni in migliaia di rifugi, dove il distanziamento sociale è praticamente impossibile.Questo è uno degli anni più strani poiché alcuni scenari che sapevamo fossero scientificamente possibili si sono verificati in un periodo molto breve. È surreale e non si può non chiedersi, è questa la nuova normalità?

La gente si è avvicinata troppo agli animali

Il 70% delle malattie recenti sono di origine zootica, cioè trasmesse agli esseri umani da animali selvatici o domestici – secondo un recente articolo scritto, tra gli altri, dai copresidenti della piattaforma intergovernativa di politica scientifica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES), un ente gemello del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Secondo l’articolo, la maggior parte delle malattie future sarà di questa natura. Le azioni umane hanno colpito oltre il 75% della massa terrestre, attraverso la deforestazione, l’espansione dell’agricoltura, l’estrazione mineraria e le crescenti abitazioni umane. Questo ha migliorato le interazioni tra gli esseri umani, la fauna selvatica e gli agenti patogeni che ospitano. La comunità scientifica ne è consapevole da tempo e ci mette in guardia dal rischio di pandemie.

gas effetto serra

Gli impatti delle azioni umane sull’ecosistema o sul clima si presentano come tendenze o shock. Le tendenze sono modelli osservati nel tempo, mentre gli shock sono eventi estremi improvvisi. Entrambi hanno grandi impatti, uno è straordinario mentre gli altri sono istantanei e quindi attirano maggiore attenzione. La recente valutazione IPBES dello stato dell’ecosistema mondiale ci ha avvertito che oltre 500.000 specie, circa il 9% delle specie terrestri stimate nel mondo, non hanno habitat sufficiente per la loro sopravvivenza.

Oltre un terzo della superficie terrestre mondiale e i 3/4 delle sue risorse d’acqua dolce sono utilizzati per la produzione agricola o zootecnica. Le pratiche non sostenibili hanno degradato e ridotto la produttività di circa un quarto della superficie agricola. Queste sono solo alcune delle tendenze nella perdita dell’ecosistema. Tali pratiche agricole non sostenibili distruggono gli habitat per milioni di specie e lasciano anche oltre il 10% della popolazione mondiale affamata. Tra l’altro, i paesi dell’OCSE sovvenzionano tale agricoltura, dannosa per l’ambiente, nella misura di 100 miliardi di euro all’anno.

L’umanità versa benzina sul fuoco

Sappiamo da decenni, da ripetute valutazioni dello stato del clima, che c’è stato un costante aumento delle concentrazioni di gas a effetto serra e un conseguente aumento delle temperature medie globali dopo la rivoluzione industriale. Viviamo anni di temperature medie globali in continua crescita e oggi ci troviamo di fronte a una delle stagioni primaverili più calde e secche dell’Europa centrale. Ironia della sorte, secondo una stima, i governi dei paesi del G20 sovvenzionano la produzione di combustibili fossili, la principale causa del cambiamento climatico, nella misura di 444 miliardi di euro all’anno (dati del 2015).

pandemie tempeste cambiamenti climatici

Poiché le tendenze sono graduali, non solo ci comportiamo come la proverbiale rana nella pentola dell’acqua che si riscalda gradualmente, ma ironicamente, come specie altamente evoluta e intelligente, stiamo anche aggiungendo carburante al fuoco che riscalda la pentola.

Quando gli ecosistemi vengono distrutti, le specie selvatiche di animali (come i pipistrelli) entrano in stretto contatto con gli esseri umani e diventano un canale per la trasmissione di germi. Ci sono circa 1,7 milioni di varietà di Coronavirus in natura e 1300 specie di pipistrelli che fanno innumerevoli combinazioni di future epidemie e pandemie. Dobbiamo prevenire ulteriori distruzioni del loro habitat e imparare a condividere questa terra con gli animali selvatici. Solo imparando dalle tendenze possiamo evitare shock.

Prospettive desolanti

Nel 2012, l’IPCC ha prodotto un rapporto fondamentale sui legami tra il cambiamento climatico e gli shock climatici o eventi meteorologici estremi come ondate di calore, inondazioni, tempeste cicloniche / uragani e incendi. Negli ultimi anni abbiamo vissuto alcuni dei suoi scenari più cupi con uragani multipli e inaspettati in Africa orientale (che hanno innescato sciami di locuste), incendi che infuriano dalla Siberia, all’America e all’Australia, seguiti da inondazioni di proporzioni bibliche. E ora Amphan, il più grande uragano mai nella baia del Bengala. Negli ultimi decenni gli oceani hanno assorbito il 93% del riscaldamento globale. Acque più calde portano a cicloni più forti, più grandi e più rapidamente che intensificano, che è quello che osserviamo con Amphan.

pandemie tempeste cambiamenti climatici

Una combinazione di molteplici eventi meteorologici estremi e politiche protezionistiche dei governi ha innescato la crisi alimentare nel 2008 e di nuovo nel 2010 e 2012. Oggi siamo fortunati che le scorte alimentari nella maggior parte dei paesi siano elevate, che la produzione nell’ultima stagione sia stata buona e che i mercati alimentari funzionino bene, ma milioni di persone non sono in grado di acquistare cibo a causa della perdita di reddito. Il Programma Alimentare Mondiale stima che la pandemia di COVID-19 porterà più di un quarto di miliardo di persone a soffrire la fame entro la fine dell’anno.

In questo momento, miliardi di risorse vengono rilasciate in tutto il mondo in risposta al Covid-19. Questa è una crisi, ma anche un’opportunità. Questo è il momento di ascoltare la natura e di impiegare le risorse significative che sono state sfruttate dal settore pubblico per la risposta Covid-19 a misure ecologicamente sostenibili. Ma i segnali sono profondamente preoccupanti: un recente documento, che valuta la natura dei pacchetti di stimolo economico, trova che solo il 4% delle politiche è “verde“, ovvero con il potenziale di ridurre le emissioni di gas a effetto serra a lungo termine, il 4% è “marrone” e probabilmente aumenta le emissioni nette di gas a effetto serra oltre normale e il 92% è “Covid”, il che significa che mantiene lo status quo.

La rana imparerà mai?

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Redazione Think