Il pensiero di 6 startupper svizzeri riguardo alle raccolte fondi durante il Covid-19

Il pensiero di 6 importanti startupper svizzeri riguardo alle opportunità di investimento e alle raccolte fondi durante e dopo l'emergenza Covid-19.

Karim Maizar
Karim Maizar

Winston Churchill probabilmente non aveva previsto l’impatto del Covid-19 sul mondo quando ha detto: “Mai lasciare che una buona crisi vada sprecata”. Ma le sue parole continuano a essere attuali nel 2020, almeno secondo gli investitori e gli esperti cautamente ottimisti che hanno discusso dello stato della raccolta fondi in Svizzera. Con oltre 230 partecipanti, il più grande webinar di Venturelab fino ad oggi, organizzato in collaborazione con Kellerhals Carrard, ha fornito informazioni sulle attuali strategie di investimento e sulle migliori pratiche per le raccolte fondi durante Covid-19.

Sette ipotesi per il 2020

ipotesi

Una cosa è certa in questi tempi imprevedibili: la pandemia coronavirus sta colpendo le startup in modo particolarmente duro. Anche se sarà difficile fare previsioni esatte, Karim Maizar di Kellerhals Carrard ha analizzato indagini e previsioni per formulare sette ipotesi per il 2020 e gettare le basi per la discussione con i sei esperti:

  • Mercato degli investitori: Stiamo passando da un mercato dei fondatori a un mercato degli investitori;
  • Valutazioni più basse: Le valutazioni, al di fuori dei pochi segmenti del mercato che hanno beneficiato del Covid-19, saranno inferiori (20%-40%);
  • Deficit di finanziamento: Gli investitori saranno meno rialzisti nel fare nuovi investimenti e avranno più problemi nella creazione di nuovi fondi;
  • Il debito non aiuterà: i prestiti bancari Covid-19 smorzeranno ulteriormente le valutazioni delle startup;
  • Exit crunch: Le transazioni di uscita (e valutazioni) scenderanno e/o ritarderanno sostanzialmente;
  • Aumento dei convertibili: i convertibili diventeranno più rilevanti come mezzi di finanziamento per evitare down-round / troppa diluizione.
  • Diluizione del fondatore: A seguito della crisi di valutazione, le riforme e le incisioni ESOP per i fondatori e la direzione riemergeranno nel 2021.

Sei esperti e una prospettiva cautamente ottimistica riguardo alle raccolte fondi post Covid-19

Raccolte fondi post covid

Moderata da Karim Maizar di Kellerhals Carrard, Anil Sethi e Stefan Steiner di Venturelab, la discussione con i sei esperti e investitori ha proprosto ai partecipanti al webinar uno sguardo sulle strategie e i piani attuali.

Michael Sidler (Redalpine), Andrew Thomas (Capitale Helvetica), David Hug (Ringier DV), Thomas Dübendorfer (SICTIC), Daniel Schoch e Pascal Mathis (Wingman Ventures) hanno fornito una prospettiva e una competenza uniche, ma tutti concordano sul fatto che garantire la liquidità e trovare opportunità sono le attività chiave per le startup nei prossimi mesi. Ciò che è ancora più importante per l’ecosistema delle startup è che tutti e sei gli investitori continuino ad attenersi alle loro strategie di investimento originali: anche se i round di investimento rallenteranno, le strategie non devono cambiare molto.

Ecco alcune citazioni e consigli dai sei partecipanti.

Sulla liquidità e sui prestiti

“Consigliamo di garantire quanta più liquidità possibile ora, preferibilmente fino a 18 mesi, il che significa finanziamenti sufficienti fino alla fine del 2021.” – Daniel Schoch (Wingman Ventures)

Fornire prestiti alle startup è insufficiente. Non funziona davvero. Dobbiamo trovare modi migliori per sostenere l’ecosistema svizzero. Dopo lo scoppio della bolla dot.com, ci sono voluti sette anni per recuperare l’ecosistema svizzero per il finanziamento delle startup, il che dimostra che abbiamo bisogno di modi migliori per sostenere le startup svizzere .”Michael Sidler (Redalpine)

I prestiti di emergenza da soli non salveranno l’ecosistema. Uno dei motivi è che essi colmano la spesa solo per un paio di mesi, il che non è sufficiente se ci aspettiamo che la crisi continui in profondità nel 2021.” – Daniel Schoch (Ercher Kantonalbank)

Non stiamo cambiando i termini dell’accordo. Non stiamo cercando di ottenere valutazioni migliori. Questo cambiamento non sarebbe salutare per entrambe le parti.” – Pascal Mathis (Wingman Ventures)

Anche se non hai bisogno di soldi ora, ti consiglio di fare un giro di bridge. Se il tuo prossimo round è in ritardo, sarà più difficile fare un giro di bridge in otto mesi .” – Thomas Dübendorfer (SICTIC)

Sulle opportunità

“Alcune aziende si concentrano solo su come ottenere aiuto da altri. Raccomando alle startup di essere creative e di sfruttare i loro punti di forza per trovare opportunità in questa crisi.” Pascal Mathis (Wingman Ventures)

“Consiglio di lavorare sulla proposta di valore: essere più vicini al futuro cliente e renderlo molto visibile agli investitori. Questo è il modo in cui continuerete a ottenere finanziamenti. Le persone non hanno smesso di finanziare, ma sono più caute e consapevoli del rischio. È una grande opportunità per noi come ecosistema. Ricordate, la crisi andrà avanti per 2-3 anni, non 10 anni. Quindi, continuerò a investire. Vedo un sacco di opportunità là fuori. Sarà difficile se hai solo qualche PowerPoint e nient’altro da mostrare. Avere almeno un prototipo o un feedback da parte dei clienti sarà sicuramente d’aiuto.”Thomas Dübendorfer (SICTIC)

Ora è il momento migliore per inventare una tecnologia che darà forma alle vostre vite.”Michael Sidler (Redalpine)

“Mi aspetto che la trasformazione digitale avvenga più velocemente. Un sacco di operatori storici vedono cosa è possibile con le soluzioni digitali. Quindi, incoraggio tutti gli imprenditori che sono in questa fase di trasformazione a rispettare il loro piano e a lavorare il più duramente possibile per andare avanti. Abbiamo bisogno di soluzioni creative durante una crisi.”David Hug (Ringier DV)

Sul punto di vista degli investitori

“La cooperazione e la collaborazione sono importanti, all’interno della comunità delle startup, del lato politico e per l’investitore. Oggi sentiamo il termine “founder-friendly” e questa frase ci offre una piattaforma per garantire la continuità dell’ecosistema imprenditoriale svizzero. Dobbiamo garantire la fiducia degli investitori e condividere le nostre competenze.”Andrew Thomas (Helvetica Capital)

“È difficile fare investimenti ora. Non possiamo incontrare persone dal vivo, e ci vuole più tempo per fare analisi. Le startup devono darci tempo. Ci atteniamo ai nostri piani di investimento, ma abbiamo bisogno del tempo per realizzarli.” – David Hug (Ringier DV)

Sulla modifica dei piani aziendali

piani aziendali raccolta fondi covid

“Abbiamo circa 20 contributi ogni settimana per gli investimenti. Molte delle aziende hanno deciso di defocalizzare o depriorizzare il loro core business plan e pivot verso le opportunità a breve termine causate da COVID-19. La mia raccomandazione: concentrati sulle caratteristiche essenziali del tuo prodotto. Fai attenzione a ruotare la tua azienda attorno all’elemento COVID. Il mondo si stabilizzerà di nuovo e si inasprirà.”Andrew Thomas (Helvetica Capitale)

Scrivi un commento

1000

What do you think?

Scritto da Redazione Think

Jeff Bezos

I miliardari americani si sono arricchiti di 434 miliardi di dollari durante la pandemia

mondo affari post coronavirus

5 cose che puoi fare per prepararti al mondo degli affari post Coronavirus