Questa mappa interattiva mostra i luoghi chiave che devono essere protetti per frenare il cambiamento climatico

Scoprite dove si trova il posto più importante dal punto di vista biologico sulla Terra.

mappa luoghi cambiamento climatico
mappa luoghi cambiamento climatico

Dal 1950 la popolazione mondiale è triplicata e il numero delle megalopoli è cresciuto da una sola città di New York a più di 30, da Città del Messico a Shenzhen a Hyderabad. Ma circa la metà del territorio del pianeta è ancora in uno stato naturale o seminaturale. Una nuova mappa mostra esattamente dove si trovano quei luoghi e perché è fondamentale proteggerle per combattere il cambiamento climatico.

Mappa dei luoghi più importanti per combattere cambiamento climatico

Il progetto, chiamato Global Safety Net, traccia una mappa sia delle aree già protette, come i parchi nazionali, sia di quelle che devono essere protette per affrontare crisi simultanee: il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità.
Gli scienziati hanno impiegato due anni per sviluppare la mappa. Nel libro Half-Earth del 2016, il biologo E.O. Wilson aveva proposto di proteggere metà della superficie del pianeta. “Ci chiedevamo, beh, ne è rimasto ancora il 50%?”, dice Karl Burkart, l’amministratore delegato del no-profit One Earth, che ha contribuito a finanziare l’analisi. Wilson, che non era coinvolto nello studio, ha suggerito che tutte le aree protette dovrebbero essere libere da esseri umani. Non è rimasto così tanto spazio completamente incontaminato. Ma se si includono le terre indigene, lo spazio totale ammonta al 50,4%.

Il progetto, che può essere esplorato online con Google Earth Engine, traccia una mappa delle aree critiche per la sopravvivenza delle specie rare, delle aree ad alta biodiversità e delle regioni che i grandi animali visitano stagionalmente. Inoltre, il progetto mappa anche aree naturali che potrebbero non essere la massima priorità per la biodiversità, ma che sono ancora esempi intatti di ecosistemi diversi, insieme ad aree che possono giocare un ruolo importante nel prelievo del carbonio. La mappa include anche i potenziali corridoi della fauna selvatica che gli animali potrebbero utilizzare per migrare tra le aree naturali.

mappa luoghi cambiamento climatico

Quando i paesi si impegneranno a proteggere la natura, potranno usare le mappe per fare piani di conservazione. Al momento, la maggior parte dei governi “non ha la mole di dati sofisticati necessaria per orientare le decisioni che dovranno prendere”, dice Burkart. Le zone di cui le specie rare hanno bisogno per sopravvivere, indicate come sacche di rosa sulla mappa, dovrebbero essere la prima priorità.

Proteggere le aree selvagge per la biodiversità può anche aiutare a prevenire future pandemie; poiché l’habitat si perde, costringe gli animali a un contatto più stretto con l’uomo, diffondendo malattie. Alcuni esperti suggeriscono che il Brasile, dove ora si stanno perdendo fasce di foresta pluviale amazzonica, potrebbe essere il luogo in cui la prossima pandemia emergerà.

Quasi tutte le aree evidenziate sulla mappa dovranno anche rimanere intatte per prevenire i peggiori impatti del cambiamento climatico. “È molto limitata la percentuale di terra che può essere ancora convertita o quanta foresta potrebbe andare perduta prima di perdere completamente la finestra per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi centigradi”, dice. Se ne perdiamo molta di più, siamo in un territorio inesplorato”. Il mondo è a 1,1 ora. E si può vedere cosa sta già accadendo con gli incendi in California e in Australia”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini