Bill Gates chiede una rivoluzione industriale “green” per fermare il cambiamento climatico

bill gates 2

Il miliardario Bill Gates ha chiesto di dare vita a una dirompente rivoluzione industriale “green” per fermare il cambiamento climatico.

Bill Gates chiede una rivoluzione industriale “green” per fermare il cambiamento climatico

Il miliardario Bill Gates ha chiesto di lavorare a una rivoluzione industriale “green” capace di fermare il cambiamento climatico, proteggendo le comunità vulnerabili e mettendo il mondo sulla strada del progresso. L’appello è stato lanciato da Bill Gates in occasione della conferenza sul clima delle Nazioni Unite COP26, organizzata all’inizio di novembre a Glasgow, in Scozia.

Il filantropo ha presentato l’ultimo progetto sostenuto dalla Fondazione Bill e Melinda Gates: l’iniziativa Agriculture Innovation Mission for Climate (AIM4C), promossa dagli Stati Uniti e dagli Emirati Arabi Uniti, che conta più di 30 paesi membri.

“Come parte del nostro lavoro con AIM4C, sto annunciando oggi che la fondazione fornirà altri 315 milioni di dollari nei prossimi tre anni a una straordinaria organizzazione chiamata CGIAR. Il CGIAR sostiene la ricerca agricola intelligentedal punto di vista climatico per aiutare i piccoli agricoltori dei paesi in via di sviluppo”, ha detto Bill Gates.

Bill Gates e i progetti avviati alla COP21 di Parigi nel 2015

Il cofondatore di Microsoft ha anche riflettuto sui progressi che le sue iniziative a sostegno delle tecnologie per affrontare il cambiamento climatico hanno raggiunto finora da quando sono state svelate per la prima volta alla COP21 di Parigi nel 2015.

A questo proposito, Bill Gates ha dichiarato: “Ho iniziato Breakthrough Energy Ventures (BEV) per connettere tra loro l’impegno di 22 paesi e per aumentare la R&S attraverso Mission Innovation. BEV ha raccolto oltre 2 miliardi di dollari finora e ha investito in più di 80 aziende di 11 paesi in quattro continenti”.

La partnership con Mission Innovation si sta ora espandendo per individuare opportunità di finanziamento per progetti incentrati sullo sviluppo di nuove tecnologie pulite in tutto il mondo, con un focus sui paesi a medio e basso reddito. L’obiettivo è quello di massimizzare l’impatto degli investimenti e rafforzare l’ecosistema dell’innovazione dell’energia pulita attraverso una collaborazione estesa con i governi in Nord e Sud America, Europa, Asia, Africa e Medio Oriente.

“Se vogliamo scalare le innovazioni che ci porteranno a contrastare il cambiamento climatico, dobbiamo ridurre la differenza di costo tra le cose che emettono sostanze nocive e quelle che non lo fanno – una differenza che io chiamo Green Premium. Il costo della transizione deve essere abbastanza basso, tanto che tutto il mondo possa permetterselo”, ha sottolineato Gates. “Per aiutare a fare questo, Breakthrough Energy ha recentemente annunciato la creazione di Catalyst“.

Caratteristiche del progetto Catalyst

Il programma Catalyst ha debuttato all’inizio del 2021 per concentrarsi specificamente su quattro tecnologie che ritiene fondamentali per affrontare il cambiamento climatico: la cattura diretta dell’aria (DAC), l’idrogeno verde, lo stoccaggio di energia a lunga durata (LDS) e il carburante sostenibile per aerei (SAF).

Martedì 2 novembre, Catalyst ha firmato accordi con due nuovi partner, Citi Bank e IKEA Foundation, mentre la compagnia assicurativa State Farm è diventata il primo partner di scala dell’iniziativa, il cui ruolo è quello di fornire ulteriore sostegno finanziario e una visione specifica del settore.

“I nostri partner del settore privato si sono impegnati per oltre 1,5 miliardi di dollari che prevediamo faranno leva su più di dieci volte tanto in finanziamenti pubblici e privati totali. Questo sosterrà progetti in quattro aree. E abbiamo appena iniziato. Ci aspettiamo di raccogliere 3 miliardi di dollari di capitale privato con lo stesso moltiplicatore”, ha rivelato Gates.

Catalyst sta anche lavorando con la Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti per mobilitare fino a 1 miliardo di dollari (820 milioni di euro) tra il 2022-26 per accelerare lo sviluppo e la commercializzazione di progetti con sede nell’UE nelle quattro aree tecnologiche critiche sostenute da Catalyst, con ogni euro di fondi pubblici che dovrebbe far leva su tre euro di fondi privati.

Una partnership analoga da 552 milioni di dollari (400 milioni di sterline) con il governo del Regno Unito è stata comunicata in ottobre.

Sul fronte statunitense, Gates ha promesso 1,5 miliardi di dollari in partnership con il governo degli Stati Uniti nel mese di agosto, ma in un’intervista con il Wall Street Journal in quel momento, ha detto che i fondi potrebbero essere impegnati solo se il Congresso approva l’agenda climatica del presidente Joe Biden.

Nella giornata di domenica 31 ottobre, Bill Gates ha nuovamente invitato i legislatori ad approvare il Build Back Better Act e l’Infrastructure Investment and Jobs Act in un post condiviso su LinkedIn: “Spero che il Congresso approvi velocemente queste leggi. Non possiamo aspettare un altro momento”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Ilaria Minucci