Il lavoro a distanza può risolvere i problemi di diversità e inclusione per le aziende

Il lavoro a distanza, cresciuto durante la pandemia, può risolvere i problemi di diversità e inclusione per le aziende.

lavoro distanza diversità inclusione
lavoro distanza diversità inclusione

Man mano che sempre più aziende passano al lavoro a distanza a seguito della pandemia coronavirus, la direzione potrebbe dover lavorare di più per garantire che tutti i dipendenti siano inclusi e abbiano pari opportunità. Si tratta di un problema con cui la maggior parte delle aziende è alle prese anche in un normale ambiente d’ufficio, ma il problema può intensificarsi rapidamente con la distanza.

Il lavoro a distanza tra diversità e inclusione

“Se sei un membro di un gruppo emarginato o sottorappresentato, è già difficile essere visibile”, ha detto Evelyn Carter, direttrice della società di consulenza per la diversità e l’inclusione Paradigm. Carter affianca il CEO di Paradigm Joelle Emerson e Laszlo Bock, un ex dirigente delle risorse umane di Google che attualmente gestisce la società di software HR Humu. I tre hanno discusso su come il nuovo ambiente di lavoro possa influenzare gli sforzi di diversità, equità e inclusione e hanno offerto suggerimenti per le aziende anche sul campo, insieme a consigli per i dipendenti emarginati, che potrebbero dover prendere misure extra per rimanere visibili mentre lavorano da casa. Il panel nota come molte aziende, grandi e piccole, si sono spostate al lavoro remoto, aiutando i dipendenti a rimanere al sicuro durante la pandemia. Si prevede inoltre che la pandemia cambierà radicalmente il modo in cui le aziende vedono il lavoro a distanza in futuro. I giganti della tecnologia tra cui Facebook, Twitter e Square hanno già implementato piani per consentire ad alcuni dei loro dipendenti di lavorare da casa in modo permanente.

lavoro a distanza

Ma avere una forza lavoro isolata crea anche una serie di nuove sfide, tra cui lo sviluppo e il mantenimento di una cultura aziendale, la costruzione di relazioni e l’assicurare che tutti i dipendenti siano ugualmente ascoltati. Carter ha detto che la distanza rafforza la tendenza delle persone a favorire le persone che sono simili a loro. Elimina anche l’opportunità di conversazioni spontanee tra persone diverse che possono essere nelle vicinanze o di passaggio. Una forza lavoro remota crea idealmente la nuova opportunità per le aziende di diffondere intenzionalmente le opportunità a tutti i livelli. Ma i leader di Paradigm hanno detto che non stanno vedendo molte aziende approfittare di questo. “Potremmo sfruttare questo momento per colmare queste lacune”, ha detto Emerson. “Ma invece, la maggior parte delle persone stanno prendendo scorciatoie ed esacerbandole.”

Il panel ha offerto alcuni suggerimenti: i manager dovrebbero essere consapevoli di chi sta ricevendo incarichi e mirare anche alla distribuzione. Dovrebbero anche pensare di essere più flessibili con gli orari, siccome molte persone sono genitori o assistenti che ora hanno ulteriori responsabilità durante la giornata lavorativa, ha aggiunto Carter.

I datori di lavoro devono anche essere consapevoli del fatto che non tutti i dipendenti hanno le stesse risorse a casa. Alcuni possono avere difficoltà con connessioni Wi-Fi stabili o avere meno accesso a schermi o software di alta qualità, strumenti che possono essere essenziali per fare il loro lavoro da casa.

smartworking vantaggi

Ma soprattutto, i datori di lavoro devono avere empatia e comprensione in un periodo che può essere particolarmente difficile per i gruppi emarginati, hanno convenuto i partecipanti. Il razzismo anti-asiatico sta dilagando dopo l’epidemia, e il virus sta facendo pagare un pedaggio particolare alle comunità nere e latine.

“Pensate a come essere intenzionali, e valutare l’impatto di esso”. Nel frattempo, i dipendenti emarginati possono anche sfruttare questa opportunità per assicurarsi che siano nel radar dell’azienda, indipendentemente da ciò che fanno i loro datori di lavoro. Ciò significa essere proattivi facendo il check-in regolarmente, chiedendo feedback e sollevando domande.

“Quello che mi preoccupa sono le molte persone provenienti da gruppi emarginati che a volte vengono lasciati indietro durante le crisi economiche o i momenti di difficoltà”, ha detto Emerson. “Non credo che questo sia il momento di lasciarli fuori.”

Scrivi un commento

1000

What do you think?

Scritto da Redazione Think

startup cammelli unicorni

Perché le startup dovrebbero puntare a essere “Cammelli” e non “Unicorni”

netflix teatro egiziano

Netflix acquisisce l’iconico teatro egiziano di Hollywood