Le migliori risposte alle 3 domande più frequenti sulle mascherine sul posto di lavoro

Quando si dovrebbe e non si dovrebbe richiedere ai dipendenti di indossare le mascherine e cosa fare se rifiutano.

mascherine posto di lavoro
mascherine posto di lavoro

Anche se la maggior parte dei dipendenti di Nick Desai continua con il lavoro a distanza, il suo ufficio, come molti altri, non è mai completamente chiuso – anche durante il picco della pandemia di Coronavirus.

Desai è co-fondatore e CEO di Heal, un’azienda sanitaria con sede a Santa Monica, California, che offre sia telemedicina che visite a domicilio con i medici. Desai va in ufficio ogni giorno a lavorare, insieme ad alcuni altri membri della sua squadra. Oltre a coloro che vengono a raccogliere materiale medico, tutti i dipendenti che lavorano dall’ufficio siedono in uffici chiusi a circa 30 o 50 metri l’uno dall’altro e indossano maschere e guanti quando escono o vanno in bagno. Utilizzano anche ingressi e uscite separate.

“Stiamo pensando a come ridisegnare il luogo di lavoro“, dice. “Ci sono così tante conversazioni a lungo termine che dobbiamo fare non solo per far tornare le persone al lavoro, ma anche per tenerle al sicuro sul posto di lavoro; vogliamo che le persone si sentano al sicuro“.
L’esperienza di Heal dovrebbe essere istruttiva per le aziende, poiché gran parte del paese è ormai alle prese con la riapertura e gli imprenditori hanno il compito di capire come farlo in modo sicuro. Mentre non ci sono due aziende uguali e ciò che terrà al sicuro i lavoratori in un’azienda può non tenerli al sicuro in un’altra, c’è un’esigenza quasi universale: le mascherine. È più che probabile che ne avrete bisogno. Ecco alcune domande sulle mascherine da considerare, mentre tornate in ufficio.

mascherine posto di lavoro

1. Ne avete bisogno?

Quasi tutte le aziende avranno bisogno di un qualche tipo di fornitura di mascherine facciali – anche se, come l’azienda di Desai, i dipendenti le usano solo quando si recano in bagno. I Centri per il controllo delle malattie (CDC) e l’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro (OSHA) richiedono alle aziende di alcuni settori, come quello della lavanderia e dell’assistenza all’infanzia, di indossare la mascherina. Il loro utilizzo è generalmente vitale anche per le aziende in cui è difficile mantenere una distanza sociale. Questo include negozi di alimentari, negozi al dettaglio e la maggior parte delle operazioni di persona.

Se i vostri dipendenti devono indossare delle maschere potrebbe anche dipendere dalla vostra posizione. In questo momento, per esempio, città come San Francisco e Los Angeles richiedono ai cittadini di indossare mascherine in pubblico. Altri settori e stati li “raccomandano fortemente”, ma non sono obbligatori. Il Tennessee, ad esempio, non richiede l’uso di dispositivi di protezione come le mascherine e un dipendente dovrebbe dimostrare di essersi ammalato sul posto di lavoro per ricevere il risarcimento dei lavoratori. La vostra attività dovrebbe essere conforme ai mandati locali, afferma Janie Schulman, partner dello studio legale Morrison & Foerster di San Francisco, con sede a San Francisco.

mascherine posto di lavoro

Quando si può evitare di metterla? Solo se la mascherina può creare un pericolo per la sicurezza, ad esempio se c’è la possibilità che si impigli nei macchinari.

In definitiva, se non si seguono le linee guida raccomandate, si potrebbero verificare problemi di responsabilità e di reputazione. Considerate se la vostra azienda può resistere alle conseguenze, dice Schulman. “Non volete essere l’azienda di cui parla il telegiornale delle 6 in un rapporto che dice che uno dei vostri dipendenti è morto perché non avete permesso ai dipendenti di indossare maschere sul posto di lavoro”, dice.

2. Di quali mascherine avete bisogno?

OSHA offre una guida per l’industria delle maschere facciali. Un lavoratore del settore sanitario, ad esempio, potrebbe aver bisogno di una mascherina N95, mentre qualcuno che lavora in un negozio di alimentari avrebbe bisogno solo di una mascherina chirurgica o di un altro copricapo per il viso. Inoltre distingue tra “respiratori” e “non respiratori”. I respiratori sono aderenti intorno al viso e filtrano le particelle attraverso la mascherina (un esempio popolare di mascherina respiratoria è la N95). I non respiratori sono semplici rivestimenti in tessuto, che potrebbero includere maschere fatte in casa, sciarpe, o bandane.

mascherine posto di lavoro

Potrebbe anche essere necessario prendere ulteriori precauzioni se la vostra azienda si trova in uno stato come il New Jersey, New York o la California, che sono stati colpiti più pesantemente dal virus. In California, ad esempio, i dipendenti possono intentare cause legali per violazioni gravi o intenzionali se i datori di lavoro non forniscono ai singoli individui dispositivi di protezione.
Alcuni stati possono anche richiedere procedure di protezione e attrezzature diverse, oltre all’uso di maschere. La Pennsylvania, per esempio, richiede ai datori di lavoro di effettuare controlli della temperatura se ai dipendenti viene chiesto di tornare al lavoro dopo che il posto di lavoro è stato esposto a qualcuno con Covid-19. Tuttavia, quando si tratta di richiedere test aggiuntivi, come i test per il Coronavirus e gli anticorpi, seguire le linee guida statali, ma non chiedere troppe informazioni.

“Non credo che i datori di lavoro debbano chiedere più informazioni di quante ne abbiano bisogno”, afferma Erin McLaughlin, avvocato del lavoro e dell’occupazione presso Buchananan Ingersoll & Rooney, riferendosi alla necessità di mantenere la privacy dei dipendenti.

3. E se i dipendenti si rifiutano di indossarli?

mascherine posto di lavoro

C’è una differenza tra richiedere ai vostri dipendenti di indossare una mascherina e permettere loro di indossarne una volontariamente.

Se un datore di lavoro richiede ai dipendenti di indossare l’equipaggiamento protettivo, il datore di lavoro deve anche formare i dipendenti su come utilizzare l’equipaggiamento, oltre ad eseguire una valutazione dei pericoli, dice Schulman. Una valutazione dei pericoli comporta l’esecuzione di ispezioni sul posto di lavoro e l’identificazione di potenziali rischi per la salute. Un datore di lavoro può anche essere obbligato a cambiare l’assetto fisico di un posto di lavoro, dice, per rispettare le regole di distanziamento sociale, anche se i dipendenti indossano maschere. Ciò potrebbe includere l’installazione di barriere tra le scrivanie e l’allestimento di corsie che permettano alle persone di camminare in sicurezza senza doversi sorpassare l’un l’altro.

Al contrario, se si chiede ai dipendenti di indossare volontariamente una mascherina, non si applica nessuna di queste regole. Anche se il datore di lavoro paga le maschere e le fornisce ai dipendenti, può comunque essere un programma volontario, nota Schulman. Se un dipendente – cioè un dipendente che può essere licenziato legalmente da un datore di lavoro in qualsiasi momento per qualsiasi motivo – si rifiuta di indossare una mascherina, sfidando le linee guida OSHA o CDC, si ha motivo di licenziare quella persona. Può essere considerato un pericolo per la sicurezza, nota Schulman.

mascherine posto di lavoro

Naturalmente non si tratta di una situazione ideale e bisogna prima considerare le ragioni del dipendente per le sue azioni. Se, per esempio, un dipendente ha una disabilità, come l’asma, e ha difficoltà a respirare attraverso una mascherina, allora, secondo la legge “Americans With Disabilities Act”, si deve cercare di accogliere quel dipendente, dice McLaughlin. È possibile fornire uno schermo o un altro dispositivo di protezione che non sia una mascherina, oppure offrire un periodo di congedo prolungato.

“Dovrebbe essere sempre una conversazione”, dice McLaughlin, “ma se si tratta di un permesso, dovresti esaurire tutte le altre opzioni prima di andarci”.

Scrivi un commento

1000

What do you think?

Scritto da Redazione Think

bottiglie a base vegetale

Coca-Cola e Carlsberg passeranno a bottiglie a base vegetale che si degradano entro un anno

riapertura sicurezza

Riaperture post Covid: come aiutare i dipendenti a sentirsi sicuri psicologicamente