La gente si preoccuperà del cambiamento climatico quando inizierà a rovinare lo sport?

Se non interveniamo, gli stadi pieni di fumo, i campi da calcio allagati, i campi da tennis aridi e le piste da sci asciutte saranno tutti scenari futuri.

sport cambiamento climatico
sport cambiamento climatico

Guardare lo sport nel 2020 è un’esperienza insolita. I tifosi non hanno potuto vedere le Olimpiadi del 2020, ma hanno visto una “bolla” di pallacanestro con tifosi virtuali e una Premier League con finte tifoserie. Mentre il coronavirus ha bloccato e alterato lo sport, un rapporto su sport e clima di questa estate avverte: “Eppure, per quanto sia stato devastante, qualcosa di ancora più problematico sta aspettando dietro le quinte del mondo dello sport”. Si tratta del cambiamento climatico.

Sport e cambiamento climatico: le conseguenze

Prima che le Olimpiadi di Tokyo fossero rimandate a causa della pandemia, gli organizzatori hanno finalmente deciso di spostare la maratona dalla capitale giapponese alla più fresca Sapporo, perché il caldo di Tokyo nell’estate del 2018 ha raggiunto i 106 gradi Fahrenheit. Questo è solo un esempio di come il clima stia cambiando il modo in cui lo sport viene fruito, sia per i giocatori degli sport locali e di comunità, sia per gli spettatori dei campionati mondiali. Le alte temperature e la mancanza di neve minacciano lo sci, gli incendi stanno causando problemi di salute ai giocatori di cricket in Australia (e ai giocatori di baseball in California) e l’innalzamento del livello del mare sta inondando i campi da golf.

“Se si vuole avere una conversazione e sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema del cambiamento climatico, bisogna parlare delle cose che contano per la gente”, dice Andrew Simms, un ricercatore ambientale di lunga data con sede a Londra. “E, naturalmente, il passatempo numero uno a livello globale è lo sport”.

sport cambiamento climatico

Simms è codirettore del New Weather Institute, un think tank che sollecita una “economia equa che prospera all’interno dei confini planetari”, e codirettore della Rapid Transition Alliance, che riunisce circa 100 organizzazioni per concentrarsi sulle misure concrete da adottare per raggiungere gli obiettivi internazionali in materia di clima. Mentre l’alleanza guarda a una serie di aree, tra cui il design delle città, l’energia e l’edilizia abitativa, Simms afferma che lo sport ha un ruolo unico e potente per aiutare a cambiare l’atteggiamento delle persone nei confronti del riscaldamento globale.

“Parlare di cose in termini astratti o esoterici o teorici non è un buon modo per creare un cambiamento nel mondo”, dice Simms, allo stesso modo in cui discutere teorie monetarie astratte probabilmente non convincerà la gente della minaccia della globalizzazione economica tanto quanto l’effetto tangibile dei negozi di grandi magazzini su Main Street. Allo stesso modo, lo sport è importante per le persone.

Da questa congettura è nato il rapporto dell’alleanza, scritto dal giornalista sportivo britannico David Goldblatt. Esso rileva come gli sport specifici siano stati fisicamente influenzati dal cambiamento climatico, in quanto i campi da gioco e i terreni di gioco sono devastati dall’aumento delle temperature. Alle Olimpiadi invernali del 2010, gli organizzatori di Vancouver hanno dichiarato che “il clima più caldo del mondo… ha messo alla prova la nostra capacità di preparare i campi da gioco per gli atleti nelle sedi di Cypress Mountains”. Ma quattro anni dopo, gli atleti sono stati ancora più colpiti a Sochi, dato che i percorsi erano nudi o fiacchi, al punto che molti concorrenti non sono riusciti a terminare le loro gare. Le Paralimpiadi di Sochi hanno generato sei volte più infortuni di quelli di Vancouver.

L’anno scorso, le corse di cavalli nel Maryland e nel New Jersey sono state ritardate o annullate a causa delle ondate di caldo. La FIFA ha dovuto aggiungere ulteriori pause per le precipitazioni durante la Coppa del Mondo femminile. Gli incendi hanno reso pericoloso il tennis e il cricket in Australia, inducendo un cricketer a commentare che giocare a Sydney è stato “come fumare 80 sigarette al giorno”. L’innalzamento del livello del mare rappresenta un rischio per il surf in California e potrebbe anche causare l’allagamento completo del Jets’ Stadium dei New York Giants, e della Citi Arena dei New York Mets, ogni anno entro il 2050. I campi da golf sono già allagati, compreso quello di Donald Trump a Doonbeg, in Irlanda, che ha progettato di costruire barriere rocciose per proteggere le sue buche.

sport cambiamento climatico

Lo sport, tuttavia, può essere in grado di riprendersi parzialmente; gli eventi sportivi oltre a esseere vittime del cambiamento climatico, hanno anche un’elevata impronta di carbonio. Le Olimpiadi di Rio del 2016 hanno rilasciato 3,6 milioni di tonnellate di anidride carbonica, e la Coppa del Mondo di Russia del 2018 2,16 milioni (e questi calcoli escludono l’impatto della costruzione degli stadi più nuovi). E, mentre altre industrie sono state prese di mira come colpevoli, lo sport se l’è cavata con poco. “Non c’è stata carenza di slogan ambientali nel mondo dello sport dopo [le Olimpiadi di Sydney]”, dice Goldblatt nel rapporto, “ma c’è stata poca azione diretta, soprattutto tra gli organi di governo dello sport e le principali leghe professionistiche e commerciali”.

Mentre altri settori e governi devono apportare seri cambiamenti per raggiungere gli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi, anche le leghe sportive, i club e gli enti organizzatori possono fare la loro parte. “In realtà, [lo sport ha] una responsabilità sproporzionatamente grande a causa della posizione di leadership che occupa”, dice Simms.

Il Quadro d’azione dell’ONU “Sport for Climate Action Framework”, a partire dal 2016, intende incoraggiare le entità sportive a contribuire al raggiungimento degli obiettivi di Parigi. Ma solo alcuni enti hanno firmato l’impegno: FIFA, UEFA, CIO, NFL, NBA lo hanno fatto; NHL e MLB no. E’ stato firmato dalle federazioni olimpiche mondiali di solo tae kwon do, wrestling e vela per l’estate, e hockey su ghiaccio e sci in inverno – “il che fa pensare a quello che i responsabili dello slittino e del bob pensano di poter fare in futuro”, scrive Goldblatt.

Ma l’impegno non è sufficiente, dice Simms, perché il quadro delle Nazioni Unite pecca di strategie intricate, di obiettivi difficili e di urgenza. Dice che la compensazione delle emissioni – una “carta “esci gratis dalla prigione di carbonio” – non è efficace quanto la riduzione delle emissioni di carbonio. Una strada potrebbe essere quella delle leghe per rimuovere i combustibili fossili e gli sponsor di uno stile di vita ad alto contenuto di carbonio, come le compagnie aeree, le aziende petrolchimiche e i produttori di SUV. La Bundesliga, il massimo campionato di calcio tedesco, ha dimostrato come le singole squadre possano avere un impatto: il Bayern Leverkusen usa il 100% di energia pulita, solo plastica monouso e acqua di pozzo per l’irrigazione.

Ma è una piccola squadra in Inghilterra, la Forest Green Rovers, a guidare la carica, come la prima squadra di calcio al mondo certificata dall’ONU, che vanta il 100% di energia rinnovabile, riciclo dell’acqua piovana e cibo solo vegano, e ha il permesso di costruire un nuovo stadio in legno senza emissioni di carbonio. “Ora ci sono altri club più d’elite e club di alto livello che corrono per recuperare il tempo perduto”, dice Simms.

sport cambiamento climatico

A causa delle restrizioni durante il coronavirus, le emissioni di carbonio dello sport nel 2020 sono probabilmente crollate, dato che le leghe hanno ridotto i viaggi e l’uso dello stadio. “Prendete la scienza sul serio e supponete che lo scenario peggiore possa accadere, agite ora non più tardi, e agite in modo radicale”, scrive Goldblatt. Facendo eco al tormentone della campagna di Joe Biden, Simms dice che questo dovrebbe essere il momento di pensare a come lo sport può risollevarsi, “ricostruendo meglio” il post-pandemia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini