Gli investitori con 12 trilioni di dollari chiedono un piano di ripresa verde dell’Europa

Piano di ripresa verde dell'Europa: alcuni investitori chiedono all'Ue di essere un esempio globale.

piano ripresa verde europa
piano ripresa verde europa

Alcuni investitori globali, che gestiscono 11 trilioni di euro (12 trilioni di dollari), chiedono un piano di ripresa verde in Europa per evitare di peggiorare i problemi finanziari, sanitari e sociali.
In una lettera aperta, gli investitori, tra cui BNP Paribas Asset Management e Schroders Investment Management, hanno chiesto di versare denaro in infrastrutture pulite, come le auto elettriche e le turbine eoliche, nonché le difese contro le inondazioni e la resilienza delle colture che proteggeranno le persone dai peggiori impatti del cambiamento climatico.
I banchieri centrali del Regno Unito, della Francia e dei Paesi Bassi hanno aggiunto la loro voce in un’intervista del quotidiano Guardian, che ha definito le conseguenze della crisi del Coronavirus un'”opportunità unica nella vita” per prepararsi al cambiamento climatico.

Il piano di ripresa verde dell’Europa

piano ripresa verde europa

I leader europei si incontreranno il 19 giugno per discutere un fondo di recupero di 750 miliardi di euro proposto dalla Commissione europea. È il piano di stimolo più verde del mondo per affrontare la devastazione economica causata dalla pandemia.Ma anche se i leader dell’UE daranno il via libera, i negoziati per il bilancio proseguiranno per diversi mesi.

La lettera degli investitori con 109 firmatari afferma che i paesi dell’UE dovrebbero adottare i piani della Commissione e andare oltre con le proprie strategie nazionali. Una richiesta chiave del gruppo è quella di imporre vincoli verdi a qualsiasi sostegno finanziario concesso a industrie inquinanti come le compagnie aeree, in linea con l’obiettivo di azzerare le emissioni entro il 2050.

“Come investitore prudente, dobbiamo assicurarci che i nostri investimenti siano sostenibili nel lungo periodo e non finiscano come attività bloccate”, ha detto Dewi Dylander, vice direttore esecutivo del fondo pensionistico danese PKA, che è firmatario della lettera e gestisce 44 miliardi di euro, di cui il 9,7% è verde.

L’Europa come esempio

piano ripresa verde europa

Dylander, che è anche un ex capo dei negoziati sul clima del governo danese, ha detto che la ripresa verde dell’Europa stimolerebbe anche altri paesi a seguire l’esempio. L’Europa doveva ospitare i negoziati sul cambiamento climatico globale quest’anno a Glasgow, in Scozia, ma ora sono stati rimandati al novembre 2021 a causa della pandemia.

Mentre l’UE sta “inviando tutti i segnali giusti”, i dettagli delle politiche specifiche sono ancora mancanti, ha detto Stephanie Pfeifer, amministratore delegato del Gruppo Investitori Istituzionali sul cambiamento climatico, che ha organizzato la lettera. “C’è più lavoro da fare per inviare i giusti segnali di mercato.”

Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey, governatore della Banca di Francia Francois Villeroy de Galhau, Frank Elderson, della banca centrale olandese, e l’inviato speciale delle Nazioni Unite Mark Carney si è impegnato a collaborare e a utilizzare i loro mandati di stabilità finanziaria e le loro competenze per garantire una gestione efficace dei rischi climatici.

“A meno che non agiamo ora, la crisi climatica sarà lo scenario centrale di domani e, a differenza di Covid-19, nessuno sarà in grado di auto-isolarsi da esso”, hanno scritto. “Abbiamo una scelta: ricostruire la vecchia economia, bloccando gli aumenti di temperatura di 4C con estremo disturbo climatico o costruire di nuovo meglio, preservare il nostro pianeta per le generazioni a venire.”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Redazione Think