7 modi in cui l’economia circolare crescerà nel 2021

Da un maggior numero di imballaggi riutilizzabili a un maggior numero di aziende che si riprendono i prodotti usati, fino a un maggior numero di designer responsabilizzati, il 2021 sarà un anno chiave nello sviluppo di nuovi sistemi meno dispendiosi.

economia circolare 2021
economia circolare 2021

In questo momento, la maggior parte dell’economia mondiale è lineare: i materiali vengono estratti, lavorati, prodotti, venduti e poi alla fine gettati nelle discariche. Ma l’idea di un’economia circolare – in cui i materiali sono usati in un ciclo chiuso, con energia rinnovabile – sta guadagnando terreno, e molte aziende nel 2021 stanno fissando degli obiettivi per diventare circolari nei prossimi decenni. I prossimi anni saranno cruciali per solidificare la crescente economia circolare.

7 tendenze che contribuiranno all’espansione dell’economia circolare nel 2021

Più marchi impiegheranno imballaggi riutilizzabili

Un numero crescente di aziende sta ripensando il design dei prodotti per evitare gli imballaggi monouso. Startup come Blueland e Everdrop ora vendono prodotti per la pulizia sotto forma di compresse che possono essere gettate in bottiglie riutilizzabili. Bite vende minuscole schede di dentifricio in modo da poter evitare i tubi di plastica standard. Nestlè sta iniziando a testare le stazioni di ricarica nei negozi per il caffè e il cibo per animali; una startup chiamata Algramo sta introducendo stazioni di ricarica per detergenti e prodotti per la pulizia nelle lavanderie automatiche. McDonald’s sta testando tazze da caffè riutilizzabili che possono essere gettate in un cestino per la pulizia; Burger King sta testando un contenitore riutilizzabile per il famoso panino Whopper.

Altri stanno sperimentando nuovi contenitori riutilizzabili per il cibo da asporto e la consegna di generi alimentari. Loop, il sistema che consegna prodotti mainstream come il gelato Häagen-Dazs in imballaggi riutilizzabili e restituibili, continua a crescere. Dove ha appena lanciato un contenitore ricaricabile in acciaio inossidabile per il deodorante.

“È un prodotto ben progettato”, descrive il nuovo contenitore di Dove Joe Iles, responsabile del programma di design circolare alla Ellen MacArthur Foundation, un’organizzazione britannica che si concentra sull’economia circolare. “L’obiettivo è che tu lo conservi e quasi lo custodisca. Penso che inizieremo a vedere più offerte come questa, visto che sono molto desiderate. Si distaccano dall’idea che questa concezione sia solo per pochi illuminati”.

economia circolare 2021

Gli imballaggi di plastica saranno molti meno e diventerà più facile riciclarli

In alcuni casi, le aziende stanno eliminando completamente gli imballaggi extra: Walmart, per esempio, ha smesso di avvolgere alcuni prodotti nella pellicola di plastica nei negozi canadesi. Ma altri stanno trovando soluzioni più innovative. Carlsberg ha sostituito alcuni anelli di plastica delle confezioni di birra da sei con un nuovo tipo di colla. Apeel fa un rivestimento sicuro e commestibile che può proteggere la frutta dal deterioramento senza involucro di plastica.

Le aziende che si concentrano sulla produzione locale, come Infarm, che coltiva verdure ed erbe direttamente all’interno dei negozi di alimentari, possono evitare l’imballaggio che verrebbe normalmente utilizzato per la spedizione. Altri design usano ancora la plastica, ma rendono l’imballaggio più facile da riciclare, come una bottiglia d’acqua senza etichetta che è fatta di un unico materiale (naturalmente, l’opzione migliore per l’acqua è un contenitore riutilizzabile). Questo tipo di innovazione continuerà a crescere man mano che i problemi con la plastica diventeranno ancora più ovvi: entro il 2040, secondo un recente rapporto, la quantità di plastica che finisce nell’oceano potrebbe triplicare se non si fanno grandi cambiamenti nel sistema attuale.

Più aziende riprenderanno i prodotti quando hai finito di usarli

Se non vuoi più il tuo vecchio paio di Levi’s, l’azienda ti pagherà per rimetterli in vendita su un mercato dell’usato. Altri, come Patagonia, riprendono anche vecchi capi di abbigliamento, riparandoli e rimettendoli a nuovo in modo che possano trovare una seconda vita. Startup come il marchio di scarpe da ginnastica Thousand Fell ritirano le loro scarpe quando gli utenti le hanno consumate in modo che possano essere riciclate (a differenza della maggior parte delle scarpe da ginnastica, queste sono state progettate fin dall’inizio per essere riciclabili). Ikea, che mira a diventare un’azienda circolare entro la fine del decennio, sta cercando di capire come fare il ritiro dei prodotti su larga scala e sperimentando altri modelli di business, come il noleggio dei mobili.

“Sono sicuro che vedremo più marchi affermati chiedersi come possono partecipare al cambiamento delle norme sulla proprietà e su cosa significa possedere un prodotto”, dice Iles. “Lo possiedi per sempre, o sei un custode temporaneo, e poi può passare a qualcun altro?

economia circolare 2021

Le aziende renderanno l’economia circolare parte della loro strategia climatica

Man mano che le aziende passano all’energia rinnovabile e prendono altri provvedimenti per ridurre le loro impronte di carbonio, si rendono anche sempre più conto che un modello di economia circolare è parte della soluzione. “Circa il 45% delle emissioni di gas serra provengono dal modo in cui facciamo e usiamo i prodotti e dal modo in cui gestiamo la terra”, dice Joe Iles. “Tante organizzazioni stanno attingendo a quel pezzo mancante del puzzle”. Riprendere un prodotto usato e prepararlo per la rivendita, per esempio, può evitare quasi tutto l’impatto climatico della fabbricazione dello stesso prodotto da zero.

Nuove politiche sosterranno l’economia circolare

È probabile che più governi emanino nuove leggi che possano sostenere la crescita dell’economia circolare. Questo potrebbe includere più divieti sulla plastica monouso, seguendo gli esempi di paesi come il Canada, dove borse di plastica, cannucce, confezioni, forchette di plastica e altri oggetti monouso saranno vietati entro la fine di quest’anno. Ci potrebbero essere anche nuovi incentivi, come tasse ridotte sui prodotti usati che sono stati rimessi a nuovo per la rivendita.

Le aziende misureranno i progressi che stanno facendo

“I marchi sono tenuti a rendere conto sempre di più di misurazioni o indicatori che vanno al di là delle sole entrate, dei profitti e del valore per gli azionisti”, dice Iles. I progressi sulla circolarità diventeranno probabilmente una di queste misure. Il World Business Council for Sustainable Development ha recentemente rilasciato gli indicatori di transizione circolare. La Fondazione Ellen MacArthur ha un nuovo strumento chiamato Circulytics che aiuta le aziende a misurare e comunicare il loro lavoro di economia circolare.

Più designer riconosceranno il ruolo che giocano nell’aiutare il cambiamento del sistema

“Le persone nella fase di progettazione di prodotti o servizi prendono decisioni che influenzano direttamente il fatto che le cose che usiamo siano più lineari o più circolari, hanno un ruolo davvero fondamentale da svolgere nel passaggio verso un’economia circolare”, dice Iles. “Allo stesso tempo, l’economia circolare può davvero offrire uno scopo ai designer. Non stanno solo creando cose che finiranno in una discarica o che saranno inutili o superficiali per le persone. Ma possono davvero usare le loro competenze per cercare di affrontare le sfide globali“.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini