Cosa succede ora che gli Stati Uniti tornano negli accordi di Parigi?

Al neo-Presidente basta inviare una lettera alle Nazioni Unite per far rientrare gli Stati Uniti all'intento degli accordi sul clima di Parigi.

stati uniti accordi parigi
stati uniti accordi parigi

Il presidente eletto Joe Biden farà rientrare gli Stati Uniti negli accordi sul clima di Parigi, il patto globale firmato cinque anni fa tra quasi 200 nazioni per evitare i peggiori impatti del cambiamento climatico. La mossa arriverà dopo che il presidente Donald Trump ha formalmente ritirato il paese dall’accordo sul cambiamento climatico il 4 novembre, che era la prima data possibile secondo i suoi termini. Biden ha detto che riporterà gli Stati Uniti nell’accordo già a febbraio. Ecco uno sguardo alle conseguenze che il rientro degli Stati Uniti avrà il mondo e a cosa potrebbe accadere dopo.

USA di nuovo negli accordi di Parigi: cosa implica?

Mentre l’uscita ufficiale degli Stati Uniti dall’accordo ha ulteriormente isolato Washington dal resto del mondo, non avrà necessariamente un impatto immediato sugli sforzi internazionali per mitigare il cambiamento climatico e attuare il quadro dell’accordo. Tuttavia, quasi tutti i paesi del mondo fanno parte dell’accordo. Dei 195 paesi che hanno firmato l’accordo, 189 hanno adottato ufficialmente l’accordo, e nessun altro paese oltre agli Stati Uniti lo ha abbandonato.

“Poiché gli Stati Uniti hanno una delle più grandi economie del mondo e hanno contribuito maggiormente al cambiamento climatico, è incredibilmente importante che gli Stati Uniti ritornino all’accordo di Parigi”, ha detto la scienziata del clima della Cornell University Natalie Mahowald, autrice principale del rapporto 2018 delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico.

Il patto è un accordo non vincolante tra le nazioni per ridurre le emissioni e mantenere l’aumento delle temperature globali ben al di sotto dei 2 gradi Celsius, o 3,6 gradi Fahrenheit, rispetto ai livelli preindustriali. Le temperature globali sono già aumentate di 1,2 C dai livelli preindustriali, e l’atmosfera è sulla buona strada per riscaldarsi di 1,5 C nei prossimi due decenni.

stati uniti accordi parigi

Il riscaldamento a 2 gradi Celsius potrebbe innescare una crisi alimentare internazionale nei prossimi anni, secondo un rapporto del 2019 del dipartimento scientifico delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. Il consenso generale tra gli scienziati è che gli obiettivi climatici che i paesi stanno cercando di soddisfare sotto l’accordo di Parigi non sono sufficienti.

Il prossimo ciclo di colloqui dell’ONU sul clima si terrà a Glasgow, in Scozia, nel novembre 2021, quando i paesi dovrebbero presentare nuovi e più ambiziosi obiettivi per il 2030 – e tutti gli occhi saranno puntati sugli Stati Uniti.

Come faranno gli Stati Uniti a rientrare?

Biden non avrà bisogno del sostegno del Senato per rientrare, perché l’accordo è stato istituito come un accordo esecutivo. L’amministrazione di Biden dovrà solo inviare una lettera alle Nazioni Unite dichiarando l’intenzione di rientrare, e il ritorno ufficiale avrà effetto dopo 30 giorni.

Una volta che gli Stati Uniti torneranno ufficialmente, l’accordo richiede ai paesi di fissare obiettivi volontari per ridurre le emissioni interne e creare obiettivi più severi nei prossimi anni. L’accordo ha anche implementato un requisito vincolante, ovvero che i paesi riportino accuratamente i loro progressi.
Durante la presidenza di Barack Obama, gli Stati Uniti hanno promesso di ridurre le emissioni tra il 26% e il 28% rispetto ai livelli del 2005, entro il 2025. Il paese non si è avvicinato minimamente a questo obiettivo, e i progressi si sono essenzialmente fermati durante l’amministrazione Trump, che ha smantellato più di 70 importanti regolamenti ambientali in quattro anni.

Ricostruire la fiducia con le nazioni

Gli Stati Uniti sono il secondo più grande emettitore di gas serra al mondo dietro la Cina e sono visti come la chiave nello sforzo globale per ridurre gli effetti del cambiamento climatico.

“La leadership degli Stati Uniti e l’accordo bilaterale tra Stati Uniti e Cina per tagliare le emissioni di CO2 sono stati fondamentali per mettere in pista l’accordo di Parigi”, ha detto Mahowald. “Il continuo coinvolgimento e la leadership degli Stati Uniti sono fondamentali per qualsiasi sforzo per fermare il cambiamento climatico”.

stati uniti accordi parigi

Al momento del ricongiungimento, ci si aspetta che gli Stati Uniti forniscano un obiettivo climatico aggiornato rispetto a quello dell’amministrazione Obama e un piano concreto per ridurre le emissioni interne del settore energetico e dell’energia. Più in generale, gli Stati Uniti dovranno ricostruire la fiducia con le altre nazioni nell’accordo, specialmente dopo l’eredità di Trump di negazione del cambiamento climatico e il suo ritiro ufficiale dall’accordo.

Il rollback di Trump di una serie di regolamenti ambientali e l’uscita dall’accordo hanno scioccato gli alleati internazionali e gli scienziati. Ha anche spinto alcuni stati, città e società statunitensi a distaccarsi dall’amministrazione e ad andare avanti con i propri piani sul clima.

Per esempio, 75 amministratori delegati l’anno scorso hanno esortato Trump a rimanere nell’accordo. Grandi aziende tra cui Apple, Google, Goldman Sachs e Royal Dutch Shell hanno firmato una dichiarazione che sosteneva che avrebbe rafforzato la loro competitività nei mercati globali e permesso agli Stati Uniti di essere un leader nello sviluppo di tecnologie che frenano le emissioni di carbonio.

A livello globale, gli Stati Uniti avranno molto lavoro da fare per tornare al passo con altre nazioni che hanno già svelato audaci iniziative sul clima. La Cina, il più grande emettitore di carbonio del mondo, si è impegnata a diventare neutrale al carbonio entro il 2060, e l’UE ha promesso di diventare neutrale al carbonio entro il 2050.

Biden ha detto che gli Stati Uniti riprenderanno i loro obiettivi di riduzione delle emissioni secondo l’accordo e guideranno lo sforzo per far sì che altri paesi migliorino i loro obiettivi climatici. L’ex vice presidente ha piani che si estendono oltre Parigi, tra cui un piano economico da 2.000 miliardi di dollari per investire in una transizione dai combustibili fossili all’energia pulita, tagliare le emissioni di carbonio dall’energia elettrica a zero entro il 2035 e diventare totalmente carbon-free entro il 2050.

“La mia speranza – e aspettativa – è che il presidente Biden rientri rapidamente nell’accordo di Parigi, guidi un impegno degli Stati Uniti rivitalizzato e molto più ambizioso e assuma un ruolo intelligente e responsabile nello sforzo globale”, ha detto Gregg Marland, professore di scienze ambientali della Appalachian State University, che segue le emissioni globali di carbonio.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini