Eskandar, la moda e il fascino di mondi lontani

Eskandar, la moda e il fascino di mondi lontani

Presentata la collezione primavera-estate di Eskandar: tessuti classici, magari abbinati fra loro, e sempre lavorati con estrema finezza. Colori chiari, tinte pastello, tonalità calde, e poi il blu e il nero. Forme molto morbide, con evidenti richiami orientaleggianti accompagnati da dettagli stilistici pensati per una donna che all’abbigliamento richiede qualità e comfort.

Queste le caratteristiche peculiari della nuova collezione dello stilista anglo-persiano che ama ricordare: «la moda va e viene, lo stile resta e dura nel tempo». E che nella ricerca di materiali sempre più raffinati trova indubbiamente una delle sue caratterizzazioni (non a caso, negli anni ’90 è partito con la maglieria).

Il cotone, sete molto leggere, ma la novità principale di questa collezione 2011 è rappresentata dalla mussola di lino proposta non più solo in bianco ma anche in altre tinte, e dal lino délavé, molto delicato e lavato in modo da ottenere una nuance melange.

Quanto ai colori, gran protagonista il bianco, utilizzato per gonne comode, con leggere balze, oppure per pantaloni morbidi con elastico in vita, disegnati senza cerniere, o ancora per lunghe camicie in cotone ultraleggero. Il bianco è proposto per la prima volta da Eskandar nel crespo di seta e di lino, mentre i grigi (antracite, carbone, argentato) sono riproposti in nuance più chiare, tendenti al bianco, azzurro o al celeste.

Molto utilizzato anche il blu, uno dei colori più classici della moda primaverile, che caratterizza spesso anche gli accessori. Poi ancora colori pastello (rosa pallido, verde acqua), oppure toni caldi del marrone, (il visone, il biscotto, il cioccolato e il corda).

Tinte unite, fantasie geometriche, e stampe floreali utilizzate su lino e su seta per decorare caftani, lunghe camicie, abiti e sciarpe. Alcuni elementi particolari preziosi della collezione sono capi di lino tessuti e decorati a mano e caftani in stampa zebrata in georgette di seta. Originale la t-shirt di lino, leggera e velata, in diversi colori. Per la sera, il bianco e il nero, proposti anche in completi pantalone con lunghi scialli impreziositi da decorazioni.

Negli abiti si trovano forme di vestiti tibetani e cinesi, modelli che riprendono i costumi inca e i salwar kamezee indiani, con spunti di estetica giapponese e marocchina. Infine, una serie di accessori prodotti a mano, fra cui una linea di sciarpe di cotone prodotte in India e decorate a scacchi che si affiancano alle classiche in lino, sempre colorate a mano.

Scrivi un commento

1000

What do you think?

Scritto da luxu

Tamara de Lempicka, la regina del moderno in mostra al Vittoriano

Tamara de Lempicka, la regina del moderno in mostra al Vittoriano

Il tappeto, quando l’oggetto d’arredo si fa arte

Il tappeto, quando l’oggetto d’arredo si fa arte