Criptovalute: l’elenco completo delle principali

I margini di guadagno dei sistemi monetari ombra stanno attirando molti investitori: l'elenco delle principali criptovalute.

elenco criptovalute

Qualcuno ancora non è completamente convinto, mentre qualcun altro è già un investitore proprietario di un portafoglio digitale personale. Parliamo delle criptovalute, le quali sono ormai sulla bocca di molti in quanto possono determinare ritorni molto interessanti sull’investimento iniziale. Per chiunque stia pensando di entrare in questo mondo, o per chi sia semplicemente curioso, riportiamo un elenco delle principali per consentire al lettore un orientamento più agevole in questo settore.

Criptovalute: la rapida espansione

A partire dal 2010, quando la prima criptovaluta fu lanciata, il suo valore è aumentato con costanza. Se 11 anni fa si scambiava per 4 o 5 dollari, già nel 2013 essa ne valeva 1000. DA 4 anni a questa parte, poi, il valore dei Bitcoin è ancora aumentato, tanto che ora uno ne vale circa 8000 euro.

L’idea stessa di valuta virtuale appare così moderna e al passo con i tempi che potrebbe veramente, come si augurano gli investitori, risolvere un grande numero di problemi pratici e semplificare la vita finanziaria delle persone. Lo stesso Bitcoin, la criptovaluta più anziana, non è che all’esordio della sua carriera e i suoi margini di guadagno non sono trasparenti. Al giorno d’oggi contiamo circa 800 criptovalute – ne elencheremo alcune di quelle che paiono più solide, a partire da chi ha già preso il volo – e non siamo in grado di dire quali andranno a morire e quali si apprezzeranno meglio in futuro.

Elenco delle principali criptovalute

Le criptovalute più solide, nel momento in cui si scrive, sono 7. Si tratta delle più note e molti di questi nomi suoneranno quantomeno familiari a molti lettori.

Per iniziare a investire in criptovalute occorre soltanto una piattaforma di trading. Le criptovalute più note sono naturalmente Bitcoin e Bitcoin Cash. La seconda ha debuttato nel 2017, presentando una velocità di transazione amplificata rispetto a quella della criptovaluta dalla cui costola è stata creata.

Altre valute molto forti e dunque consigliabili per l’investitore sono: Dashcoin e Litecoin, di derivazione mai nascosta dalla primeva; Ethereum (o Ether) che è ormai la seconda criptovaluta più popolare ed ha una ricchissima quota di mercato, grazie anche ad un valore davvero elevato; Ripple, che a livello di capitalizzazione si piazza subito dopo Ether e la giovanissima Monero.

I nomi da tenere d’occhio

Anche se non dovrebbe essere necessario, è importante ricordare come si tratti di investimenti. Teniamo dunque sempre presente che corriamo il rischio di andare incontro a perdite. Per quanto ampio e in sviluppo appaia il mercato delle criptovalute, nessuno possiede una sfera di cristallo. Investiamo dunque sempre con responsabilità.

La top 7 di criptovalute riportata sopra non è una Bibbia, Ci sonon anche altri nomi che vale la pena segnarsi qualora si voglia investire in questo ambito. Vediamo l’elenco delle principali criptovalute alternative.

Libra e GRAM, forse note a qualcuno, sono le due monete digitali lanciate, rispettivamente, da Facebook e Telegram. Sono ancorate a due social network molto utilizzati e questo aspetto potrebbe essere importante per qualche investitore. Bitcoin Gold ed Ethereum Classic, associate ovviamente ai due sistemi madre da cui prendono il nome, sono meno diffuse dei circuiti maggiori ma stanno trovando dello spazio. Dogecoin e Stellar Lumens sono relativamente giovani, eppure si stanno espandendo a macchia d’olio. Altre opportunità sono presentate da criptovalute come TRON, Tezos, NEO, Zcash, Binance Coin, IOTA, Quantum, EOS, NEM, Tether e OmiseGO.

Tutte quelle elencate ora sono criptovalute che definiremmo secondarie, meno diffuse di quelle in top 7. Tra queste diverse sono davvero appena entrate in borsa. Per tal motivo possono rappresentare un rischio maggiore ma hanno anche una possibilità di apprezzarsi maggiormente. L’investitore farebbe bene ad informarsi anche su queste, prima di decidere dove legare il suo capitale.

LEGGI ANCHE: Il Bitcoin sale del 16% dopo che Tesla dice di averci investito 1,5 miliardi di dollari

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Mattia Mezzetti