Primark riporta un calo delle entrate di 800 milioni di sterline

Il rivenditore prevede un calo dei profitti di due terzi, con un calo del 75% delle entrate in tre mesi.

Primark calo entrate
Primark calo entrate

Il blocco del Coronavirus è costato a Primark 800 milioni di sterline, e il rivenditore di abbigliamento si aspetta che i profitti crollino di due terzi quest’anno finanziario. I ricavi del rivenditore sono scesi del 75% tra il 1° marzo e il 20 giugno, a 582 milioni di sterline, secondo quanto riportato giovedì dal proprietario di Primark, il conglomerato FTSE 100 Associated British Foods (ABF).

Primark calo entrate

La grave perdita di Primark

I dati sottolineano le difficoltà del settore retail, con aziende che vanno da Harrods al proprietario del Topshop, Arcadia, tra gli operatori del settore high street che mercoledì hanno annunciato più di 6.000 tagli di posti di lavoro. Tuttavia, ABF ha detto che le vendite sono state “rassicuranti e incoraggianti” da quando ha iniziato a riaprire i negozi Primark.

Primark è stata costretta a chiudere i suoi 375 negozi entro 12 giorni dopo il 22 marzo, mentre i governi di tutto il mondo cercavano di rallentare la diffusione del virus. Tuttavia, da allora ha riaperto tutti i negozi tranne sette in Scozia e uno negli Stati Uniti, con nuovi protocolli di distanziamento fisico, disinfettante per le mani, pulizia extra e dispositivi di protezione individuale per il personale.

Mentre molti rivali hanno scelto di chiudere definitivamente i negozi a seguito della chiusura, Primark ha aperto cinque nuovi negozi dall’inizio di marzo e prevede di aprire altri cinque punti vendita nei prossimi mesi.

Primark calo entrate

Le vendite sono diminuite del 12% a parità di condizioni dalla riapertura di alcuni negozi il 4 maggio, ma ABF ha dichiarato che le vendite in Inghilterra e Irlanda nella settimana che si è conclusa il 20 giugno sono state superiori a quelle dell’anno scorso, in quanto i rivenditori non essenziali in Inghilterra sono stati autorizzati a riaprire i negozi. I clienti sono stati visti in lunghe code per l’ingresso nei negozi Primark in tutto il paese.

John Bason, il direttore finanziario di ABF, ha dichiarato che Primark ha continuato ad aumentare le vendite ad un livello più alto rispetto all’anno scorso nel Regno Unito, ma le cifre riflettono la cautela iniziale da parte degli acquirenti. Le vendite nei negozi del centro città continuavano a “soffrire” per l’assenza di turisti e pendolari. “Le cose stanno per evolversi. L’ospitalità e i viaggi sono inesistenti al momento”, ha detto Bason.

Le ragioni del calo delle vendite

Primark non ha un servizio di shopping online, quindi è stata particolarmente colpita dalle serrate. Ma Bason ha detto che Primark non intendeva cambiare il suo modello di business dopo aver perso le vendite per qualche settimana. “Lo guardiamo costantemente e se facciamo qualcosa sarà qualcosa che funziona per Primark”, ha detto. Tuttavia, ha aggiunto: “Non ci sono piani immediati”.

Primark calo entrate

Il rivenditore ha avuto una forte richiesta di abbigliamento per bambini, per il tempo libero e per la notte, insieme a prodotti estivi, tra cui pantaloncini e magliette. La domanda di abbigliamento maschile formale e di accessori da viaggio è stata “non sorprendentemente debole”, ha detto ABF.

Ha aggiunto che – “in assenza di un numero significativo di ulteriori chiusure di negozi” – i profitti operativi di Primark, esclusi gli oneri eccezionali, si attesterebbero tra le 300 e le 350 milioni di sterline per l’intero anno. Si tratterebbe di circa un terzo dei 913 milioni di sterline registrati nell’anno fino alla fine di settembre 2019. La debolezza delle vendite di Primark è stata controbilanciata da un aumento del 9% dei ricavi nel settore alimentare di ABF nel trimestre. I ricavi sono aumentati anche nel settore degli ingredienti alimentari di ABF.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Filippo Sini

Alfonso Correale

WIB, Alfonso Correale: “Gli smart locker cambieranno la città post-Covid”

rifiuti elettronici

I rifiuti elettronici sono un problema nocivo e crescente. Ecco come riciclare i vostri vecchi dispositivi elettronici