Come l’Europa è diventata il palcoscenico di una rivoluzione Fintech

rivoluzione europa

L’Europa è diventata il palcoscenico di una incredibile rivoluzione Fintech: ecco svelato come.

Come l’Europa è diventata il palcoscenico di una rivoluzione Fintech

All’inizio del 2021, l’Europa aveva un decacorno, una startup che ha ottenuto una valutazione di 10 miliardi di dollari o più. Ora ne ha tre e sembra che la frenesia fintech scoppiata nel continente porterà alla nascita di molti altri decacorni.

I tre decacorni che sono stati costruiti sulle coste europee sono Klarna, Revolut e Checkout: tutte società fintech e, secondo i dati di Crunchbase, verranno seguite da 19 nuovi arrivi fintech che raggiungeranno lo status di unicorno quest’anno.

Questo aumento significativo nel numero di aziende fintech molto apprezzate in Europa mostra il ruolo chiave che il continente sta giocando nel modificare settori fiscali chiave come pagamenti, banche, assicurazioni, prestiti, trading ed eCommerce.

Come mostrano i dati raccolti, il 2021 è stato un anno da record per l’investimento di capitale di rischio in aziende fintech europee, evidenziando come si tratti chiaramente di un settore in maturazione.

Complessivamente, le uscite fintech hanno fruttato ai VC 70 miliardi di dollari tra gennaio e luglio in tutto il mondo. Le uscite europee hanno rappresentato circa il 20% della cifra totale.

Questo ha rappresentato un record anche per le startup in diversi settori in Europa, con più imprese che hanno raggiunto l’ambito status di unicorno ottenuto con valutazioni di 1 miliardo di dollari. Al momento, esistono 125 aziende unicorno private con sede in Europa.

Inoltre, quasi un terzo di queste aziende, 39 in totale, sono basate nel settore dei servizi finanziari, rendendo l’industria fintech uno dei più significativi creatori di unicorni in tutto il continente.

Costruire sulla prosperità tra Regno Unito e UE

Nonostante la relazione incerta tra l’Unione europea e il Regno Unito, la crescita delle fintech britanniche è stata un’aggiunta molto gradita all’infrastruttura finanziaria europea.

Il Regno Unito e Londra in particolare hanno lavorato instancabilmente per attrarre le fintech nonostante la minaccia delle ramificazioni della Brexit che incombe sul Paese. Come risultato, il Regno Unito ha aperto la strada in termini di round di finanziamento fintech tra il 2017 e la prima metà del 2020, raddoppiando le cifre della seconda nazione in classifica, la Germania.

Un esempio recente della relazione del Regno Unito con l’UE che viene mantenuta in tutto il settore fintech può essere trovato nel caso di TrueLayer, una fintech con sede a Londra che ha raggiunto lo status di unicorno nel settembre 2021.

L’azienda ha registrato circa il 400 per cento di crescita del volume di pagamenti mensili nel 2021 finora, dopo essersi espansa strategicamente in 14 paesi europei, approfittando delle regole di open banking dell’UE e del Regno Unito che richiede agli istituti di credito di aprire i loro dati ad altre aziende al fine di personalizzare meglio i prodotti ai clienti.

Il richiamo dell’Europa: il caso TrueLayer

TrueLayer ha fatto uno sforzo concentrato per capitalizzare le opportunità in tutta l’Unione europea. Come molte altre fintech con sede nel Regno Unito, TrueLayers ha puntato a raggiungere il pubblico europeo attraverso città come Dublino, per rimanere collegati ad entrambi i mercati in un panorama post-Brexit.

Costruendo un ponte verso l’Europa, TrueLayer ha scelto di creare un quartier generale europeo nella capitale della Repubblica d’Irlanda come mezzo per attingere al fiorente panorama tecnologico della città e al pool di talenti qualificati.

A supervisionare il successo della sede europea è l’ex dirigente di WhatsApp e Facebook, Joe Morley, che intende utilizzare la sua esperienza per aiutare la crescita di TrueLayer in tutto il continente.

“L’Irlanda è diventata il centro fintech dell’UE, con aziende del calibro di Coinbase, Stripe, Remitly, Square e i nostri clienti, tra cui Paysafe e Payoneer che hanno sede qui”, ha spiegato Morley. “Siamo entusiasti di unirci a loro, facendo di Dublino la nostra casa da cui accelerare la nostra espansione europea e fornire i nostri servizi bancari aperti leader di mercato a banche, imprese fintech e piattaforme di e-commerce in tutto il continente”.

Rivoluzione fintech in UE e principali attori statunitensi

Il richiamo del business europeo è diventato così forte per le fintech da spingere i principali attori statunitensi a cercare di offrire nuovi servizi in tutto il continente.

PayPal sta anche espandendo la sua presenza in Europa in due modi”, nota Maxim Manturov, capo della ricerca sugli investimenti di Freedom Finance Europe. “La sua partnership di debito commerciale con Mastercard si è estesa ad altri quattro paesi europei: Belgio, Finlandia, Paesi Bassi e Portogallo, e Euronet Worldwide epay utilizzerà il codice QR di PayPal come soluzione di vendita nei suoi punti vendita. La PayPal Business Debit Mastercard, introdotta negli Stati Uniti nel 2003, è ora disponibile in 11 paesi europei. Secondo l’azienda, i clienti business di PayPal possono ora spendere denaro nei loro conti PayPal in oltre 52 milioni di punti Mastercard in tutto il mondo”.

La pandemia Covid-19 ha agito come un importante catalizzatore per la trasformazione digitale nel settore dei servizi finanziari. Mentre sempre più aziende si spostano online per continuare a conquistare clienti in un ambiente post-pandemia, la loro dipendenza dallo sfruttamento delle transazioni transfrontaliere in tutta Europa è stata essenziale per rimanere sopravvivere.

Nonostante le sfide sia della stessa crisi sanitaria che della Brexit, i dati del 2021 finora mostrano che l’ecosistema fintech europeo sta prosperando. Con le società di venture capital che espandono i loro margini di profitto scommettendo sulla tecnologia finanziaria europea e le aziende statunitensi che cercano di attingere alla prosperità dell’UE, sembra che si potrebbe essere all’apice di un’età dell’oro per il fintech in Europa.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Ilaria Minucci