Una città francese ha creato il suo Amazon, con una sola differenza

Durante il periodo di lockdown, un gruppo di aziende locali di Angers si sono riunite per affrontare il gigante dell'e-commerce e riconquistare gli acquirenti per sempre.

Angers Shopping
Angers Shopping

Un pomeriggio della scorsa settimana, ad Angers, una piccola città della Francia occidentale, Jonathan Berdugo stava bevendo un caffè mentre teneva d’occhio la sua boutique di abbigliamento maschile firmato, VIP In Fine, dall’altra parte della strada. Secondo Berdugo gli sconti sono di circa il 60% rispetti ai prezzi che c’erano prima che la Francia imponesse la quarantena nazionale il 17 marzo, con una graduale riapertura da metà maggio. Ma lui e altri 200 imprenditori locali di Angers sperano di tenere a galla i loro negozi online costruendo la loro Amazon: Angers Shopping.

Angers crea il suo Amazon personale

Angers Shopping, che è stato lanciato nel bel mezzo del lockdown del paese, ha fornito uno sbocco per i venditori che vendevano la loro merce mentre le loro sedi fisiche erano chiuse. Il mercato online – creato dalla startup tecnologica parigina Wishibam – ha l’obiettivo più grande di aiutare le aziende vecchie di decenni a trovare nuovi clienti e a promuovere i loro prodotti online. Nel paese che ha obbligato Amazon e altri colossi digitali a rendere conto delle loro pratiche sul posto di lavoro, Angers Shopping spera di essere un’alternativa più etica, rispettosa dell’ambiente e incentrata sull’uomo.

stop amazon

Berdugo dice che i grandi rivenditori online e i grandi magazzini sono entrati nella sua attività, in cui si vende di tutto, dagli abiti formali alle scarpe da ginnastica e alle scarpe da ginnastica floreali décontracte. Il nome riflette il modo in cui gli piace trattare i suoi clienti: come i VIP, aiutandoli a scegliere i capi e lavorando con un sarto per una perfetta vestibilità. Ma senza Angers Shopping, non sarebbe stato in grado di gestire un negozio virtuale, in quanto fornisce un aiuto per il marketing, i pagamenti e il ritiro della merce.

“Essere un negoziante oggi significa non avere molto tempo, perché i negozianti non hanno molto personale”, dice. “Per poter accedere a Internet, è necessario avere del personale”. Non puoi aprire un sito e poi dire: “Beh, ecco fatto, funzionerà da solo”.

Dominique Gazeau, presidente dell’associazione degli imprenditori Les Vitrines d’Angers, dice che essere bloccato a casa ha fornito l’opportunità di formare i proprietari di negozi. “Siamo stati in grado di discutere con loro, di suscitare il loro interesse e di aumentare la loro consapevolezza”, dice Gazeau. Aggiunge che le piccole imprese non sono ancora “sufficientemente consapevoli” del commercio digitale.

Angers Shopping si inserisce nel più ampio obiettivo di Wishibam di aiutare le piccole e grandi imprese francesi a sviluppare la presenza online. Il commercio al dettaglio online si è sviluppato più lentamente in Francia, rappresentando solo il dieci per cento delle vendite secondo il Centre for Retail Research. Nella sua prima settimana, il sito web ha registrato più di 570.000 visite. Alcuni negozi hanno generato fino al 30 per cento delle loro vendite operative attraverso la piattaforma. Le piccole dimensioni della città consentono consegne entro 72 ore (anche se spesso più veloci), svolte su biciclette elettriche, posta oppure con la modalità “click and collect” per il ritiro in negozio.

Angers Shopping

“L’idea è davvero quella di conciliare l’esperienza del negozio con la convenienza dell’online e di riunire il meglio dei due mondi“, dice la fondatrice e CEO di Wishibam, Charlotte Journo-Baur. “Allo stesso tempo, cerchiamo davvero di creare un legame con i clienti, così come con i commercianti”.

L’esempio di Madame Chocolat

Per molte aziende di Angers Shopping, le vendite hanno un impatto maggiore rispetto al solo proprietario del negozio. Delphine Collet ha fondato Madame Chocolat nel 2017 per mettere in evidenza le dolci prelibatezze della regione d’Anjou, come il Quernon d’Ardoise, un torrone ricoperto di cioccolato blu che riflette le miniere di ardesia della zona. “Ho messo insieme il mio desiderio di promuovere l’artigianato locale e di mettere in evidenza i piccoli artigiani e i prodotti di qualità con la mia passione per i dolci”, dice Collet. La sua piccola vetrina mette in risalto i prodotti di circa 20 artigiani locali. Dice che parte dell’esperienza si perde online, in particolare per poter assaggiare i prodotti. Ma, sostiene, la quarantena è stata un’opportunità per le persone di riconnettersi con la cucina e gli ingredienti di qualità. “Ci sono state un paio di settimane in cui non è successo nulla”, spiega. “Poi, dopo due settimane, tre settimane, la gente si è resa conto che era a casa, che voleva concedersi dei buoni prodotti“. Collet dice che ora molti stanno acquistando dolciumi per recuperare il tempo perduto per le vacanze mancate e le altre celebrazioni che segnano la riapertura della Francia.

madame chocolat

Laurence Collin, proprietario dell’outlet femminile di prêt-à-porter River Woods, ha avuto esperienze simili agevolate dalla facilità dello shopping online, come una donna che ha dovuto trovare subito un abito per un matrimonio non annullato dopo il blocco. Situato nel centro di Angers, River Woods mette in mostra i capi degli stilisti belgi. Collin è entrato in attività nel 2004, trasformando prima un garage in un negozio di spedizioni. “I belgi sono molto forti nello stile e nell’arredamento, come tutti i nordici, quindi questo è un concetto piuttosto speciale”, dice. “Lo stile è un po’ senza tempo e sempre con un bel dettaglio, confortevole e ben tagliato”.

Anche se le vendite sono diminuite durante la pandemia, dice che sapere che la sua attività non è stata completamente interrotta l’ha aiutata a mantenere alto il morale. E per la prima volta è riuscita a catturare persone troppo impegnate per fare acquisti di persona. Come molti membri di Wishibam, si è concentrata su portare avanti il servizio personalizzato online, aiutando anche tre generazioni della stessa famiglia a trovare vestiti.

La differenza tra Angers Shopping ed Amazon

“Se le cose vanno male, possono tornare in negozio”, dice Collin. “C’è sempre il lato umano”. Mentre quando si acquista su internet, non c’è nessuno”.
Questo elemento umano è fondamentale per Angers Shopping che combatte giganti come Amazon. Anche se Amazon è stata più lenta a prendere piede in Francia, ammonta ancora al 22% della spesa online, con circa il 45% della popolazione che acquista da Amazon almeno una volta all’anno, secondo Kantar Insights France. Anche se le forti leggi sul lavoro e l’organizzazione sindacale del paese hanno impedito un più forte “effetto Amazon”.

L’isolamento della Francia è iniziato con gli scioperi e le manifestazioni dei magazzinieri di Amazon che si lamentavano del sovraffollamento e della mancanza di gel igienizzante. L’azienda ha interrotto le vendite in Francia dopo che un tribunale civile fuori Parigi ha stabilito che non aveva fornito misure di sicurezza adeguate nei centri di distribuzione. Amazon ha poi perso un appello a Versailles, vietando la consegna di articoli non essenziali.

amazon

Al contrario, Angers Shopping si sta posizionando come una società più collaborativa. Mentre Amazon addebita le spese di abbonamento per i venditori e le spese per ogni vendita, Angers Shopping finora non ha applicato alcuna commissione. Dominique Gazeau di Les Vitrines de Angers aggiunge che mentre “Amazon può viaggiare in tutto il mondo per consegnare una chiavetta USB”, Angers Shopping è “iper locale” con un’impronta ecologica molto più ridotta.
Wishibam, che negli ultimi cinque anni ha investito 8 milioni di euro in progetti tecnologici, ha lanciato un sito di e-commerce simile nella grande città di Nizza e prevede di espandere il suo modello in Francia e con partner in altri paesi. Secondo Journo-Baur, le vendite su Angers Shopping sono leggermente diminuite, con circa 120-150 acquisti al giorno per un profitto di circa 1.000 euro. Questo senza alcun marketing, aggiunge, e l’azienda si sta ora concentrando sulla sua strategia di comunicazione.

Per Berdugo, il proprietario di VIP In Fine, Angers Shopping è solo l’ultima iniziativa dei suoi 30 anni di vendite di abbigliamento al dettaglio. Nonostante gli affari sul sito siano andati a rilento, egli ne riconosce il potenziale. In un periodo in cui può far entrare nel negozio solo pochi clienti, con addosso la mascherina, in una volta sola e deve utilizzare il vapore su ogni capo dopo che è stato provato, lo shopping virtuale potrebbe essere la soluzione più valida.

“Ci vorrà ancora un po’ di tempo perché non accadrà da un giorno all’altro, ma bisogna crederci perché è un’iniziativa interessante”, dice. “Oggi, perché ci sono cose nuove, bisogna provarle per andare avanti”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

What do you think?

Scritto da Redazione Think